"La croce di Cristo sarà la rovina del demonio, ed è per questo che Gesù non smette di insegnare ai suoi discepoli che per entrare nella sua gloria deve patire molto, essere rifiutato, condannato e crocifisso (cfr Lc 24,26), essendo la sofferenza parte integrante della sua missione. 
Gesù soffre e muore in croce per amore.

In questo modo, a ben vedere, ha dato senso alla nostra sofferenza, un senso che molti uomini e donne di ogni epoca hanno capito e fatto proprio, sperimentando serenità profonda anche nell'amarezza di dure prove fisiche e morali".  

Papa Benedetto XVI  all'Angelus 1 feb 09

 

Si intitola " La porta della vita nella sofferenza " il messaggio dei nostri Vescovi per questa giornata. C'è uno stretto confine tra le due espressioni: è la sottile terra di nessuno in cui ci troviamo sempre più spesso, ogni volta che incontriamo una sofferenza e siamo chiamati a darle una risposta.
La sofferenza è tanta. A volte è gridata, ma molto più spesso è silenziosa e nascosta e si consuma nell'ombra.

Soffre la donna che non riesce ad accettare la vita che le sta crescendo in grembo, fino al punto di sentirla come una minaccia, causa di ulteriori disagi e nuove sofferenze. Soffre di chi è affetto da malattie degenerative che chiudono ad una ad una le finestre sul mondo... Soffrono i parenti che vedono il proprio caro in coma, per mesi e anni, e non intravedono vie di uscita. Soffre in generale chi è solo e non è amato da nessuno. Soffre chi ha perso - e forse non ha mai avuto - uno scopo per vivere, e si trascina nella nebbia.
Tuttavia proprio la sofferenza è in grado di liberare nuove risorse umane e generare una ricchezza che la rende ancora più preziosa.
" Nessuna sofferenza può prevalere sulla forza dell'amore e della vita ".
" Chi soffre non va mai lasciato solo " affermano i vescovi, perché il peso non appaia insopportabile; e perché le scelte di morte, dall'aborto all'eutanasia, siano sconfitte dalle scelte di vita.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.