Se pensiamo al famoso enigma della Sfinge (qual è l’animale che da piccolo va a quattro gambe, da grande a due e da vecchio a tre?) ecco risaltare una delle caratteristiche dell’uomo: il volersi muovere comunque.

Ed è col col viaggio, più o meno lungo, che l’uomo riesce a conoscere altri usi e altre terre; col viaggio inoltre può trovare conferme o illuminazioni delle sue credenze più intime, quelle spirituali. Fu nel Medioevo che i viaggi fatti a quest’ultimo scopo, i pellegrinaggi, diventarono sempre più numerosi e frequenti.

La parola latina peregrinatio significa passaggio, sosta in paese straniero. Ma ben presto venne a indicare un viaggio a carattere religioso e culminante nella visita a un “luogo santo”.

Una pratica devozionale questa non sconosciuta al paganesimo (si pensi ai santuarioracoli di Delfi, di Delo, di Pergamo) e che, dopo il 632, divenne propria anche dell’Islam col viaggio a La Mecca. Nel mondo cristiano medievale il pellegrinaggio fu rafforzato dalla teoria detta dello status viatoris dell’uomo, secondo la quale la vita terrena è essa stessa un viaggio verso la casa del Padre, cosicché il pellegrinaggio ne costituisce la principale metafora.

Diceva Iacopo da Varagine (1228 circa-1298): « Il tempo del pellegrinaggio è la presente età, nella quale siamo sempre come pellegrini in battaglia ». E davvero simile ad un soldato il pellegrino era vestito con una propria divisa: un piccolo mantello detto “sanrocchina” o “pellegrina”, un cappello a tese larghe legato sotto il mento (il cosiddetto “petaso”), una bisaccia e il bordone (lungo bastone, sovente munito di punta metallica); sullla via del ritorno spesso poi si appuntava sul petto particolari segni a contraddistinguere la meta del pellegrinaggio (una palma per i pellegrini dalla Terrasanta, una conchiglia per quelli da Santiago di Compostela).

Proprio questi segni di rinoscimento dovevano salvaguardare il pellegrino dagli arresti arbitrari e dalle aggressioni, esentarlo dai pedaggi sui ponti e sulle strade, garantirgli la conservazione dei beni lasciati a casa. Quanto di tutto questo si sia potuto concretamente realizzare non è facile a sapersi.

È un fatto invece che i pellegrini diventarono, assieme ai monaci, la figura caratteristica del Medioevo cristiano. Così ce li definisce Dante nella Vita nova (1294): « Peregrini si possono intendere in due modi, in uno largo e in uno stretto: in largo, in quanto è peregrino chiunque è fuori della sua patria; in modo stretto non s'intende peregrino se non chi va verso la casa di Sa’ Iacopo o riede.

È però da sapere che in tre modi si chiamano propriamente le genti che vanno al servigio de l’Altissimo: chiamasi palmieri in quanto vanno oltremare, la onde molte volte recano la palma; chiamansi peregrini in quanto vanno a la casa di Galizia, però che la sepoltura di Sa’ Iacopo fue più lontana della sua patria che d'alcuno altro apostolo; chiamansi romei quanti vanno a Roma ».

La più antica destinazione di pellegrinaggio fu la Terrasanta e in particolare Gerusalemme, laddove si erano consumate la passione, la morte e la resurrezione del salvatore Gesù.

La Demonstratio evangelica di Eusebio di Cesarea (265 circa- 339 circa) ci dice che già prima di Costantino il Grande (imperatore dal 306 al 337) i cristiani peregrinavano a Gerusalemme.

In altra opera (Historia ecclestiastica) lo stesso autore fa i nomi di alcuni pellegrini, sfuggiti miracolosamente alle persecuzioni: Melitone vescovo di Sardi (nel 160 circa), Alessandro vescovo della Cappadocia (nel secondo decennio del III secolo), Firmiano di Cesarea (una ventina di anni dopo).

La prima vera e propria ondata di pellegrini risale tuttavia ai tempi costantiniani, grazie anche a Elena, madre dell’imperatore.

Alla santa donna, giunta in Terrasanta nel 326, è attribuito il ritrovamento della reliquia della Vera Croce; a lei e al figlio (già nel concilio di Nicea del 325 Macario, vescovo di Gerusalemme, aveva ricevuto dall’imperatore il consenso allo sgombero dei luoghi santi dalle costruzioni sopra esistenti) si devono i lavori di costruzione delle tre grandi basiliche, dette appunto “costantiniane”: quella della Resurrezione con le attigue cappella del Calvario e “rotonda” dell’Anastasis; quella dell’Eleona sul monte degli Olivi, luogo tradizionale dell’Ascensione; quella di Betlemme sovrastante la grotta della Natività.

Fu da allora definita la topografia sacra di Gerusalemme e della Terrasanta, le città e i luoghi indicati dalle Scritture, consentendo così a tantissimi cristiani di ripercorrere le tracce terrene di Gesù e di fortificare la propria fede.

Luigi Sangiovanni


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.