Il termine suddetto deriva dal verbo latino rogare che significa chiedere di ciascuno di noi, siano quelle riservate alla natura e alla protezione dei raccolti agricoli.
I nostri PADRI conoscevano molto bene i limiti dell’uomo e perciò nei momenti critici si rivolgevano a DIO per aiuto ed assistenza. L’idea del sacro, del sovrannaturale era ben presente nelle case dei contadini.
Adesso l’uomo si ritiene capace di far tutto e perciò di non avere bisogno dell’esterno e spesso dimentica Dio.
Le Rogazioni venivano fatte di buon mattino mediante una processione cui partecipava molta gente che raggiungeva i vari punti del paese ed era voluta dal mondo rurale. Si svolgeva a fine Aprile nei tre giorni della settimana che precedeva la festa dell’Ascensione.
Per l’occasione i contadini confezionavano con rami di pioppo o di altra specie di albero delle semplici croci da posare ai bordi dei campi con funzione di proteggerli dai flagelli della natura: siccità, grandine e altri disastri. Si invocava l’abbondanza dei raccolti per la famiglia e per i bisogni del paese.
La processione preceduta dal prete orante partiva dalla Chiesa e si snodava per le stradine delle borgate e dell’aperta campagna. Ogni tanto, in un punto prestabilito, si faceva sosta per benedire le croci e lì era posto un tavolino su cui porre gli omaggi al sacerdote da parte delle famiglie redenti: uova, salame, ecc. L’andare da luogo a luogo impegnava tutta la mattinata, ma era una cerimonia religiosa molto sentita dalla semplice cultura contadina. La tradizione era voluta e rispettata da tutti, ma entrati nell’età dell’abbondanza e della molteplice attività industriale il senso del sacro si è perduto per via e questo rogare non si fa più o non così evidentemente come avveniva in passato.
Adesso le strade sono molto movimentate e non si possono svolgere processioni o altre manifestazioni che indubbiamente intralcerebbero il traffico giornaliero, ma comunque resta la nostalgia per un’usanza da cui le persone semplici si aspettavano benefici riscontri.

"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.