Ogni mattina alle ore 5, sia d’estate che d’inverno, la campana della Chiesa madre annunciava ai paesani che era l’ora del risveglio e di inizio delle varie attività e con i suoi tre squilli invitava alla preghiera i fedeli. Ricordiamo l’inno mariano che si cantava allora: « È l’ora che pia, la squilla fedel, le note c’invia dell’Avel del Ciel. Ave, ave, ave Maria ». Allora si viveva in perfetta sintonia
con le norme naturali e religiose insegnate dai Padri. Subito, nelle case, iniziavano le faccende giornaliere: cura dei bovini e degli animali da cortile eseguite dal proprietario e da parte della massaia la preparazione della colazione e il rifacimento dei letti.
Succedeva di domenica, e talvolta anche nei giorni infrasettimanali, che la mamma e i piccoli figlioli si avviassero alla prima messa che iniziava puntualmente alle ore 5,30 del mattino.
In quei tempi il territorio parrocchiale era molto esteso; partiva dai confini con Rossano Veneto e finiva alle Vaccarie e precisamente verso S. Giorgio in Bosco e S. Anna Morosina. Ovviamente si percorreva a piedi la lunga strada.
Per richiamare i fedeli alle Messe, mezz’ora prima si dava il “segno” tramite la campana intermedia e il loro inizio con lo squillo argentino del campanello. Di solito il capofamiglia si metteva al lavoro e secondo la stagione operava nei campi con i poveri attrezzi posseduti: badile, vanga, falce ecc. e mettendoci tanta fatica personale.
Gli scolaretti ripassavano le lezioni e giunte le ore 8 facevano colazione con latte frammisto alla polenta abbrustolita, poi infilavano la sacca e si avviavano verso la scuola e l’apprendimento. Alle ore 12 era atteso il suono della campana grande che invitava a staccare il lavoro e far la pausa pranzo.
Spesso qualche mendicante si avvicinava alla porta di casa e non mancava che la buona massaia preparasse anche per lui un piatto di minestra e un tozzo di pane. Lo dice anche Zanella nel sonetto: « È mezzodì! Sotto l’ombroso noce che il gran fusto contende alla vecchiaia, sta il mendico e leva la sua voce querula, a cui d’incontro il cane abbaia. . . ».
Suonava il campanello anche per gli scolaretti che tornavano a mangiare qualcosa in famiglia. Nel pomeriggio alle ore 14 rientravano alle lezioni pomeridiane fino alle ore 16. Ovviamente il tragitto si compiva a piedi quattro volte al giorno ed era un esercizio fisico salutare, anche se la distanza da casa a scuola era spesso notevole.
I coloni al pomeriggio riprendevano le pesanti fatiche che si protraevano fino alle ore serali, secondo il tipo di stagione.
Di sera seguivano in casa altre fatiche: mungitura e sistemazione della stalla, la massaia preparava la cena e l’allestimento della serata in famiglia. Era tempo e la campana invitava alla preghiera e tutti ripetevano il canto: «Odo suonar la squilla della sera, che dolcemente invita alla preghiera. . . ».
Dopo cena iniziava il “filò” durante il quale si incontravano parenti e vicini di casa a parlare dei fatti del giorno, le donne sferruzzavano maglie e calze, le ragazze conversavano col “moroso” e intanto preparavano indumenti e vestiario da portare in dote. Tutto ciò avveniva al fioco lume della “beppa”, lampada a petrolio, perché in campagna non era ancora giunta l’energia elettrica.
Verso le ore 21 la madre intonava il S. Rosario e dopo la recita si scioglieva la comitiva; i fidanzati se ne andavano e i componenti della famiglia si avviavano verso le rispettive camere da letto per il benefico riposo notturno dopo una giornata di tanta fatica e lavoro.
Nel dormiveglia spesso si restava ammagliati dal canto di un “moroso” che ritornava a casa felice e contento dopo l’incontro con la fidanzata e la sua voce armoniosa e potente si espandeva per la campagna ripetendo le belle melodie dei cantanti di allora.

M.B.

"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.