Giovedì 29 marzo il Vescovo di Padova Antonio Mattiazzo si è recato in visita pastorale all’Ospedale di Cittadella.

È stato un pomeriggio intenso e coinvolgente: il Vescovo accolto con grande entusiasmo dal direttore generale dell’ULSS 15 “Alta Padovana” il dott. Francesco Benazzi, dal Direttore Sanitario Dott. Stefano Formentini, dal Primario di Chirurgia Dott. Valentino Fiscon, da Medici, Infermieri e Operatori, si è recato a far visita a tutti gli ammalati presenti nei reparti.

Con tanta semplicità e cordialità, Mons. Mattiazzo ha portato a tutti una parola di saluto, una parola di speranza e una benedizione.

Le persone ricoverate hanno vissuto questo incontro con profonda commozione e partecipazione. Commozione anche da parte del Vescovo incontrando in Ostetricia neo-mamme Rumene con le quali ha parlato in rumeno; commozione nel reparto di pediatria dove ogni bambino ricoverato ha consegnato al Vescovo un fiore bianco; e commozione incontrando in pediatria un ragazzino, meravigliato che il Vescovo gli parlasse nel suo dialetto, quello del Burkina Faso.

Negli incontri con il personale e con gli ammalati, il Vescovo Antonio ha ricordato come la Chiesa forte del mandato di Gesù, sia sempre impegnata nel servizio e nella vicinanza alle persone che vivono l’esperienza della fragilità e del dolore.

Un altro momento importante si è vissuto quando il Vescovo Antonio, durante la Messa conclusiva, ha istituito ufficialmente la “cappellania ospedaliera”, consegnando alle persone, che la compongono, un mandato pastorale.

Ma cosa si intende per “cappellania ospedaliera?” La Cappellania ospedaliera è “un’equipe pastorale, un organismo che in nome della Chiesa e con finalità pastorali opera all’interno di una istituzione socio-sanitaria, svolgendo un’attività ordinaria in favore dei malati, dei loro famigliari, degli operatori sanitari”.

Essa cerca di costruire ponti di solidarietà fra malato e l’equipe sanitaria, il malato e la comunità di appartenenza, il malato e la famiglia aiutandolo a ritrovare la speranza in un rinnovato rapporto col Dio della vita, della salute e della salvezza.

Questo gruppo è formato dal Cappellano Diocesano Don Giuseppe Campagnaro, da una religiosa Suor Angelina e da sei laici Ministri della Comunione: Anita - Arcangelo - Gianna - Giorgio - Lucia - Michele.

La presenza di Religiosi e Sacerdoti all’interno dell’Ospedale è consolidata, ma la novità della Cappellania sta proprio nel fatto che la Diocesi di Padova sta scegliendo di proporre all’interno degli Ospedali equipe con diversità di carismi per l’assistenza religiosa.

Nel cammino in cui la persona soffrente cerca di dotare di senso il suo dolore, si colloca l’importante compito e la vocazione della Chiesa.

Essa vuole essere comunità di guarigione, nel senso che può esercitare una reale funzione sanante. Una comunità che cerca di camminare così, ripercorre la strada preferita dal suo Signore.

 

don Matteo Naletto Vicario per la Pastorale Sanitaria


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.