Una pazzia che stupisce" Dalla parrocchia alla Pastorale vocazionale.... Si ritorna in Seminario!

Ancora una volta è questa "straordinaria pazzia" di Dio a stupirmi... Quasi come un fulmine a ciel sereno è arrivata questa nuova nomina per me e credo sia bello e doveroso esprimere un grande grazie a questa comunità parrocchiale che mi ha accompagnato in questo mio "secondo mandato" di ministero presbiterale. Il Vescovo mi ha chiesto di ritornare in Seminario per occuparmi della pastorale vocazione degli adolescenti e dei pre-adolescenti; allo stesso tempo

di impegnarmi a livello diocesano nella direzione dell'ufficio medesimo. Penso dunque, sia bene e doveroso che a conclusione di questa seconda tappa, con voi condivisa per tre anni, fare mie alcune espressioni usate in un libro da fratel Enzo Biemmi, che meglio sintetizzano il mio apprezzamento e il mio grazie e il mio personale incoraggiamento...
Grazie perché in questo contesto culturale così complesso, interetnico e multireligioso, mi avete insegnato a muovermi con fiducia e spontaneità.
Grazie per avermi fatto comprendere che c'è un cristianesimo ricco di grazia e di libertà.
Grazie per i tanti volti incontrati, le tante mani strette o sfiorate, le tante lacrime asciugate e i molti sorrisi condivisi.
Grazie ai tanti giovani incontrati e con cui ho condiviso molto del mio tempo e della mia passione educativa, ai tanti adulti che si sono fatti prossimi e premurosi come dei genitori o dei nonni.
Grazie alle famiglie che hanno compreso la mia persona e che si sono fatte vicine con l'affetto e la stima. In particolare ai gruppi famiglie e a quanti hanno collaborato più da vicino nel difficile "campo" della pastorale... Grazie ai tanti collaboratori della parrocchia e del centro parrocchiale, per la loro pazienza e dedizione, il Signore vi ricompensi del bene che avete seminato e che continuerete a seminare.
Grazie anche a tutte quelle persone ed esperienze concrete che non sono sempre state facili o addirittura ancora difficili da digerire... io personalmente, mi appoggio sempre al motto: "Ciò che non distrugge, fortifica!" Un grazie ai confratelli presbiteri e ai sacerdoti del vicariato. Grazie per l'accompagnamento e la paziente dedizione nei miei confronti.
In fine un grande grazie a tutti, anche a coloro che non ho espressamente sopracitato.
Ora mi attende una "spiaggia" ancora più grande e in tutto questo mi sono chiesto (sempre facendo mie le parole di fratel Enzo B.) "Chi può misurare le sorprese che lo Spirito prepara alla sua Chiesa?" E ancora una volta ripongo la mia personale fiducia nella divina Provvidenza, sapendo che dove non arrivano le mie povere forze arriva sempre e comunque la grazia di Dio.
A tutta la bella Comunità di Cittadella l'augurio e l'invito ad essere una realtà unita, vera, serena, ecclesiale e soprattutto secondo il cuore di Dio.
A tutti un buon cammino e se passate per il Seminario Minore di Rubano siete i benvenuti!
di cuore e con affetto, don Marco


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.