Apartire da sabato 1 maggio (qualcuno ha già cominciato) centinaia di persone si ritroveranno presso i 20 capitelli del nostro territorio per la preghiera del Rosario.
Sarà un periodo durante il quale crescerà la consapevolezza della nostra figliolanza nei confronti di Maria, di fraternità spirituale tra i partecipanti, di intercessione per tutta la comunità, di amicizia e di gioco per i più piccoli.

In questi 15 anni ho sempre visto parecchi bambini e ragazzi, ma pochissimi adolescenti e giovani. E adulti-anziani dicevano: Che bravi questi bambini, che buoni questi ragazzini!! E io a ripetere: preghiamo perché vengano a pregare anche tra 5, 8, 10 anni. Purtroppo i risultati non si vedono ancora. Dobbiamo concludere che c’è allergia da parte dei giovani per il Rosario? Forse sì. Ma viene anche da chiederci se non possiamo recitarlo-pregarlo in maniera che anch’essi si sentano maggiormente coinvolti, magari con qualche commento appropriato ai misteri, con qualche canto animato da loro (tanti giovani suonano qualche strumento).

La devozione a Maria è parte integrante della nostra vita spirituale, e può manifestarsi in tanti modi, anche molto personali ed intimi. Quindi non sto dicendo che chi non si reca ai capitelli non ami e non abbia in attenta considerazione la figura di Maria. Sto solo auspicando che, per es. una volta la settimana, magari mettendosi d’accordo, anche gli adolescenti e i giovani partecipino alla preghiera che Maria ha più volte raccomandato.

È vero che il Rosario non è una preghiera facile: sembra ripetitiva. E lo è, se non si pone attenzione ai misteri, al loro significato, alle parole che pronunciamo.

Il Rosario è una preghiera biblica, evangelica, perché ci aiuta a ricordare alcuni eventi particolari della vita di Gesù e di Maria. Se entrassero nella mente e nel cuore cambierebbero la nostra esistenza, rendendola più simile a quella di Gesù e della Madre sua.

Come contemplare i misteri della nascita di Gesù nella povertà di Betlemme e poi dare troppa importanza alla ricchezza? Come meditare la morte ingiusta di Gesù e poi prendercela per piccole sofferenze? Come contemplare la discesa dello Spirito Santo e non vivere con sapienza e fortezza? Come meditare il battesimo di Gesù e poi non pensare quotidianamente all’immenso dono che abbiamo ricevuto nascendo dall’acqua e dallo Spirito? Come contemplare Gesù che istituisce l’Eucaristia e poi non nutrirci del pane vivo disceso dal cielo? Allora impegniamoci a contemplare-meditare tutti i 20 misteri per applicarli poi alla nostra vita quotidiana. Ne saremo trasformati noi e spargeremo il profumo di Cristo ovunque andremo! Con affetto, buon mese di maggio.

vostro don Remigio


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.