Sfida anche per i gruppi scout
Perche cambiare?
La Diocesi di Padova e il Vescovo Antonio, dopo lungo tempo di riflessione hanno pensato di modificare la modalità per iniziare i ragazzi alla fede. Per quale motivo? Perché, a detta di parroci, catechisti, educatori i ragazzi hanno bisogno di altro rispetto a qualche tempo fa perché non sono più nati cristiani in un ambiente che respira cristianesimo. Hanno bisogno di essere introdotti, piano piano, a capire cosa vuol dire avere lo stile di Gesù.

Hanno bisogno di modalità nuove, 'iniziatiche', per arrivare passo dopo passo ad essere persone che hanno certi modi di pensare e di agire.
Lo Scautismo in tutto questo si trova avvantaggiato perché da sempre inizia alla vita (e alla fede) in modo progressivo, attraverso prove e sfide. E' un cammino proposto al singolo e non alla massa (si tratterebbe di formazione), è un percorso che prevede la scelta del singolo e una comunità che lo educa. La Diocesi vuole reimpostare il cammino della vita cristiana proprio come lo Scautismo imposta la sua educazione: libertà del singolo, autoeducazione, educatori che iniziano, successo o fallimento del cammino.
La rivoluzione passa attraverso anche la ricollocazione dei sacramenti che sono le tappe dell'iniziazione.
Infatti scrive il Vescovo Antonio: « I sacramenti dell'Iniziazione cristiana continuano ad essere sì largamente richiesti, nonostante la fine della cristianità ma ciò avviene spesso con deboli motivazioni di fede. Va tenuto presente, al riguardo, che è in crescita il numero di bambini che non vengono battezzati subito dopo la nascita, mentre il fenomeno dell'immigrazione ha immesso nella società un numero rilevante di non cristiani. È ben noto che, dopo la Cresima, la maggior parte dei cresimati lascia o diminuisce la partecipazione alla Messa domenicale ».
Per questo si è pensato di offrire i Sacramenti dell'Iniziazione cristiana nella Pasqua della quinta elementare: Cresima ed Eucaristia.
A questo momento ci si prepara attraverso un percorso diviso in 3 parti: 1. primo anno dedicato alla decisione di iniziare il cammino e all'accoglienza nella comunità cristiana; questo cammino viene fatto in gruppi di ragazzi e famiglie; l'anno termina con il momento dell'ammissione.
2. tre anni in cui genitori e figli ascolteranno la Parola di Dio e vivranno momenti intermedi di iniziazione: consegna della Bibbia, del Credo, del Padre nostro, dei Comandamenti, del comandamento dell'amore. In questi tre anni vivranno anche esperienze comunitarie di carità. Termina con i riti di elezione.
3. l'ultima Quaresima: in questo breve tempo i ragazzi vivranno la preparazione ai sacramenti della Cresima e dell'Eucaristia e faranno ulteriori passaggi soprattutto il sacramento della Penitenza.
4. Veglia Pasquale di quinta elementare: Cresima ed Eucaristia.
E dopo? C'è il momento più interessante. La cosiddetta Mistagogia, ovvero essere condotti a capire meglio cosa si è vissuto.
È come nella Branca Eg dove si entra nella tappa (ricevendo anche il distintivo) e poi si scopre la bellezza e la gioia di quella tappa.
Questo tempo durerà 2 o 3 anni.
In questa parte sono importantissime le associazioni (tra cui lo Scautismo) che potranno essere di aiuto a proseguire a comprendere i doni della vita e dello stile cristiano ricevuti fino ad allora.

Cosa cambia per i capi?

Che significato ha tutto questo per una comunità capi della Diocesi? Direi innanzitutto: dovrebbe nascere la voglia di informarsi sulle motivazioni che muovono questa riforma. Non tanto sulle modalità concrete ma sull'anima che c'è sotto e che, ripeto, porta con sé tutti gli elementi dell'iniziazione scout: la scelta del singolo, la figura dell'educatore, la comunità educante in cui si entra, i riti di passaggio, le richieste esigenti ma legate alle possibilità del singolo, il successo o il successo parziale del cammino.
Questo cammino della Diocesi provoca però anche ad un altro possibile passo: il mettere meglio a fuoco come noi capi educhiamo alla fede. Su questo tema l'associazione ha riflettuto moltissimo in questi anni. Prova ne sono i 3 testi che riassumono 3 acquisizioni dello Scautismo Agesci: – Progetto unitario di Catechesi del 1983 – Sentiero fede del 1997 – Narrare la fede del 2011 Il primo testo dice che l'educare alla fede va progettato per poter essere efficace; il secondo afferma che la fede usa gli strumenti del metodo specie dell'esperienzialità, del simbolismo e della rielaborazione personale (esperienza, simbolo, concetto).
Il terzo tenta la strada della narrazione dei passaggi della vita messi a confronto con la narrazione degli stessi passaggi nella vita di Cristo e di chi l'ha seguito.
Ma quanto queste idee appartengono ai capi e alla loro prassi nelle unità? Un'ultima possibilità viene offerta allo Scautismo: quella di stare dentro un cammino più grande di quello delle singole comunità capi, un cammino che può offrire ai capi stimoli personali e metodologici, superando la pecca di tanti di noi che è l'autoreferenzialità, il bastare a se stessi.

Ci sono dei vantaggi nel cambiare?

La proposta si propone di cerare cambiamenti e i cambiamenti porta con sé sogni ma anche paure. Non sappiamo ancora le ricadute della riforma perché comincerà con il primo passo (primo anno) ad ottobre. I primi che cominceranno il cammino fanno i sacramenti nella pasqua del 2018! E l'anno dopo vivranno la mistagogia. Non sappiamo le ricadute positive sullo Scautismo ma è un'avventura da fare con la Chiesa e le Parrocchie, fidandoci di chi ci ha pensato e ci ha lavorato.
Credo nella possibilità di sviluppi solo positivi anche per l'iniziazione di fede nello scautismo.

Don Riccardo Comarella


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.