Cittadella 2 scout

Che cos’è la specialità di squadriglia? È una riconoscimento di gruppo, che viene assegnata a coloro che dimostrano di essere preparati in una tecnica specifica scout.
Esistono ben 12 specialità di squadriglia, da internazionale ad espressione, da giornalismo a pronto intervento.
Nei nostri reparti Brownsea e San Giorgio cinque squadriglie su sette hanno deciso di mettersi alla prova per conquistare questo obiettivo.
I pipistrelli vorrebbero dedicarsi a natura, le volpi ad esplorazione, i cervi e i leoni a campismo e i gufi ad Olympia.
La nostra sede si sta abbellendo grazie alle loro specialità di costruzioni, tra cui una torretta, un percorso Herbert e un portale.
Ma come si fa a conquistare la specialità di squadriglia? Bisogna innanzitutto scegliere e realizzare due IMPRESE inerenti all’ambito tecnico della specialità scelta; dopodiché si deve affrontare e portare a termine una MISSIONE, assegnata dai capi reparto. Durante questo periodo la squadriglia deve scrivere una relazione di tutto ciò che è stato realizzato su un Diario di Bordo, inserendo anche foto e disegni.
Questo lavoro sarà poi valutato dagli incaricati regionali, che decideranno se la squadriglia merita di partecipare ai Guidoncini Verdi, evento che conclude il percorso e in cui viene consegnata una bandierina verde da appendere al guidone, che testimonia il conseguimento della specialità di squadriglia. È un’occasione unica, che aiuta i ragazzi ad apprendere cose nuove, ad organizzarsi e collaborare e ad acquisire autonomia.
“se siete una squadriglia che ama le sfide se vi sapete impegnare nel lungo periodo se siete gelosi della vostra autonomia se ognuno di voi si sente responsabile del buon andamento della squadriglia se avete ben chiaro il ruolo di ognuno se prendete decisioni in maniera democratica allora c’è una specialità di squadriglia che vi aspetta”.
Alice Zurlo

Cittadella 4, scout

Siamo Francesca, Giulia e Filippo del clan “Pendragon” del gruppo scout Cittadella 4. Oggi vorremmo raccontare la nostra esperienza di servizio all’interno del branco “Tregua dell’acqua”, ossia con i lupetti del nostro gruppo. Il branco è quella che potremmo definire la prima tappa del percorso scoutistico e comprende i bambini dagli 8 agli 11 anni circa.

Cittadella scout 2

Nel gruppo scout Cittadella 2 ormai le attività sono iniziate da tempo e gli esploratori e le guide del Reparto Brownsea si stanno cimentando nella conquista delle specialità. Ogni esploratore/guida sceglie le specialità che gli piacciono di più secondo i suoi interessi e passioni. Esistono infatti le specialità più disparate da cuoco a nautico, da sarto a nuotatore.

scout Cittadella 3

Eh sì, dall’inizio di questo anno scout sono passati diversi mesi e per il Branco “Roccia della Pace” del gruppo Cittadella 3 si è ormai conclusa la stagione di caccia che porterà alcuni dei suoi cuccioli a diventare del veri lupetti acquisendo la promessa.
Partiamo dallo spiegare che ad ottobre, dopo il passaggio dei lupetti più grandi in Reparto, il Branco rimane snellito ed è il momento in cui i nuovi bambini possono cominciare a provare l’esperienza dello scoutismo.

scout Cittadella 4

Poter riflettere e decidere è un’esperienza che fa diventare grandi. Scegliere significa percepire le conseguenze del proprio agire e valutare l’impatto delle scelte anche sugli altri.Poter compiere una scelta significa poter essere liberi di farlo. L’atmosfera felice nel Branco porta il lupetto ad osare e sperimentarsi e la relazione con i Vecchi


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.