scout 4

Ci sono delle date che segnano inesorabilmente delle tappe, che per il solo fatto di essere state raggiunte, sono degne di nota, di attenzione. Il gruppo scout Cittadella 4, il prossimo anno, festeggerà ben 25 anni di attività.
25 anni dedicati al servizio, alla formazione dei bambini, dei ragazzi, dei giovani, degli adulti. Nell'instabilità in cui viviamo, in cui tutto velocemente nasce e troppo rapidamente muore, sapere che un'associazione di volontariato si dimostra così longeva non può che fare piacere a tutti.

È interessante scoprire allora il segreto, la magia che ha reso questo possibile. Ebbene la "ricetta di lunga vita" si basa su alcuni ingredienti, attinti dal metodo scout, che rendono la proposta educativa dello scoutismo ancora appetibile, anzi, più "gustosa" che mai.
Gioco, avventura, servizio: sono queste le parole magiche. E io aggiungerei il DIVERTIMENTO, l'ENTUSIASMO, il sale senza il quale tutto risulterebbe insipido. Questi ingredienti erano tutti presenti quando nel 1989 il Cittadella 4 è nato; io c'ero e lo posso confermare. Alla fondazione il gruppo non aveva molti capi (Stefano, Donatella, Paolo, Monica, Francesco, Pierluigi, Fabio, Roberta e Don Giorgio), ma sicuramente eravamo ricolmi di passione, di gioia di vivere, di voglia di metterci in gioco, che cercavamo di trasmettere ai nostri lupetti, ai nostri scout e alle nostre guide.
Bisogna sapere che l'entusiasmo, come il morbillo, è estremamente contagioso: si propaga e dura nel tempo. Io ho ricevuto molto dallo scoutismo, e molto ho dato: è una catena. I lupetti di oggi saranno i capi di domani. Tutto qua.
Questo è il segreto dello scoutismo; tutte le conoscenze, le tradizioni, le esperienze, le avventure che si vivono da bambini grazie all'aiuto di "fratelli maggiori", di capi che ci guidano nel nostro cammino personale, vengono poi trasmessi a chi ci segue. Nel linguaggio "scoutese" parliamo di trapasso nozioni. Senza voler essere sdolcinata, è stato commovente affidare i miei figli ai loro rispettivi capi, capi che erano stati lupetti del mio branco quando ero Akela o esploratori e guide quando ero Caporeparto.
Tuttavia non sempre tutto è filato liscio. In questi anni molte sono state le difficoltà, le incomprensioni, gli imprevisti che si sono interposti nel cammino.
Certo è che siamo qui a festeggiare 25 anni di vita. Un lungo filo collega tutti coloro che hanno condiviso questa avventura, questo "grande gioco" del vivere insieme, questa appartenenza al gruppo. Un lunghissimo filo elastico: è stato tirato, teso, lacerato, ma, almeno finora, non si è mai spezzato.
Monica Pieressa P.S. Nel 1989 i censiti al gruppo Cittadella 4 erano 68 Attualmente, gli iscritti al gruppo sono 104 se vi sembrano pochi

 


"Per un pugno di dollari"


Cittadella ascolta


17 dicembre 201817 dicembre 2018

I sette peccati capitali della ricchezza

cottarelli

PROF. CARLO COTTARELLI, economista


Venerdì 25 gennaio 2019

La responsabilità delle élites

calenda

Dottor Carlo Calenda già  ministro dello sviluppo economico


Venerdì 1 febbraio 2019

Ricchezza e Disuguaglianza

padovan

PROF. PIER CARLO PADOAN già ministro dell’Economia e delle Finanze.


 Lunedì 4 marzo 2019

Da ricchezza che non sazia

bruni

PROF. LUIGINO BRUNI, Professore Ordinario in Economia Politica al Dipartimento di Giurisprudenza, Economia, Politica e Lingue Moderne dell’ Università Lumsa di Roma

locandina incontri fidanzati cittadella 2018

Assemblea diocesana 2018 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.