Scout Cittadella 4

Collina, notte dell’11 agosto 2016 È una freddissima notte di montagna, scura, avvolgente. Sono seduta vicino al fuoco, ancora spento. Alzo la testa e vedo milioni di stelle. Il cielo è limpidissimo e non ci sono i lampioni o le luci delle case a rovinarlo. Rimango qualche minuto a fotografare con gli occhi questa meraviglia: domani, a Cittadella non la rivedrò più.
Questa notte però ha qualcos’altro che la rende unica e magica: per me e per altri otto ragazzi insieme ai quali ho intrapreso l’avventura dello scoutismo sarà l’ultima notte dell’ultimo campo di Reparto.
Prepariamo la legna e accendiamo la diavolina: tra poco chiameremo il resto dei ragazzi per cominciare il Fuoco, che per noi sarà l’ultimo.
Sarà una notte di riti di passaggio: noi grandi salteremo il fuoco per andarcene, mentre i più piccoli riceveranno il loro nome di caccia (un nome formato da un animale e un aggettivo che li rappresenti), segno della loro entrata a tutti gli effetti al Reparto. Così partirà un altro giro della grande ruota che è lo scoutismo. Tutto è un grande ciclo che si ripete: da quando facciamo la Promessa e riceviamo il fazzolettone, percorriamo tutti lo stesso cammino che ci pone davanti gli stessi ostacoli. Una volta superati, sta a noi prendere per mano i più piccoli e accompagnarli, finché non toccherà a loro essere la guida dei nuovi arrivati e così via.
Presto comincerà una nuova parte del mio percorso e spero di aver insegnato qualcosa di utile e lasciato qualcosa di me a chi al Reparto ci rimane ancora per qualche anno.
Se provo a pensare al mio primo anno qui, mi sembra lontanissimo: questi cinque anni mi hanno cambiata molto. Sono arrivata come una bambina impaurita e insicura, mentre ora posso dire di aver conosciuto un po’ più a fondo i miei punti di forza e aver superato i miei limiti, o almeno aver provato a farlo.
Poi ho imparato che lo zaino diventa più leggero cantando e che collaborazione e solidarietà non sono valori fuori moda. Ma soprattutto ho capito, in particolar modo quest’anno, che la fatica è necessaria per crescere e raggiungere i propri obiettivi: solo dopo aver scalato una montagna si può ammirare il panorama.
Il fuoco sfrigola nella notte fredda. Noi dell’ultimo anno siamo tutti qui, insieme.
Ci guardiamo e cominciamo a cantare: Al fuoco Al fuoco Venite tutti al fuoco Al fuoco Al fuoco Venite tutti qua.

Anna Briotto

"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.