Scout Cittadella 4

Il canto accompagna la giornata dello scout e ne accompagna anche la vita; i canti si propagano nell’aria fin quando dal Chiaror del mattin al Chiaror del mattin ci sveglia la canzon sotto il sol.
E poi quando Partiam col branco in caccia augurando Buona Caccia fratellin ben sapendo che Cuor leale e lingua cortese fanno strada nella Jungla.

Ed il Ritmo dei passi ci accompagnerà là verso gli orizzonti lontani si va perché basta Sul cappello un bel fior, sulle labbra una canzon, un cuor gioioso e sincero, questo solo ci vuol per un bravo esplorator per girare il mondo intero; nel mondo C’è ancora un sole, l’abbiamo ritrovato, seguiva le ombre mobili dei passi sul sentier e c’è ancora un sole, scaldava le tue spalle quand’io toccai lo zaino che tu portavi per me.
Nel sentiero della vita La mia tendina chiara spicca tra gli alberi e mentre nella radura erbosa declina il dì il pensiero va a chi ha lasciato quel sentiero troppo presto ed allora leviamo una preghiera al Dio del cielo, signore delle cime che un nostro amico ha chiesto alla montagna, ma lo preghiamo, su nel Paradiso lascialo andare per le tue montagne.
Quando La notte distende il suo mantello di vel ed il campo calmo e silente si raccoglie nel mister Sentiam nella foresta il cuculo a cantar, ai piedi di una quercia lo stiamo ad ascoltar e la notte è tenebrosa non c’è chiaror lunar, sentiam nel fitto bosco i lupi ad ulular.
Ormai tutte Le voci si son fermate, c’è solo un fuoco che brucia ancor e le stelle come un manto sopra di noi fanno un bianco vel; ma Il sol risorgerà e di nuovo inonderà per un altro giorno ancor, questa gioia che è nel cuor.
Queste canzoni diranno poco ai non scout ma ancora oggi mi ritrovo a sognare che Vorrei tornare anche solo per un dì lassù nella valle alpina, lassù tra gli alti abeti ed i rododendri in fior, distendermi a terra e sognar; là sotto al pino antico noi lasciammo nel partir la croce del nostro altare, là sotto al pino antico con la croce là restò, un poco del nostro cuor; e quando poi d’inverno la neve scenderà, bianca sarà la valle e sotto quella neve un bel Giglio fiorirà, il Giglio dell’Esplorator.


I Capi

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.