Un bambino chiede alla mamma: « Perché piangi? ».

« Perché sono una donna », gli risponde.

«Non capisco », dice il bambino.

La mamma lo stringe a sé e gli dice: « E non potrai mai capire ».

Più tardi il bambino chiede al papà: « Perché la mamma piange? ».

« Tutte le donne piangono senza motivo! ». È tutto quello che il papà seppe dirgli.

Diventò adulto e chiese a Dio: « Signore, perché le donne piangono così facilmente? ».

E Dio rispose: « Quando l’ho creata doveva essere speciale… Le ho dato spalle abbastanza forti per sopportare il peso del mondo.

. . e abbastanza morbide per renderle confortevoli.

Le ho dato la forza per donare la vita, quella di accettare il rifiuto che spesso le viene dato dai suoi figli.

Le ho dato la forza di permetterle di continuare quando tutti gli altri abbandonano, quella di farsi carico della sua famiglia senza pensare alla fatica e alla malattia.

Le ho dato la sensibilità di amare i suoi figli di un amore incondizionato anche quando essi la feriscono duramente.

Le ho dato la forza di sopportare suo marito nelle sue debolezze e di stargli accanto senza mai cedere.

E finalmente le ho dato lacrime da versare quando ne ha bisogno.

Vedi, figlio mio, la bellezza di una donna non sta nei vestiti che porta, né nel suo viso e nei suoi capelli.

La bellezza di una donna risiede nei suoi occhi.

È la porta dove risiede il suo amore.

Ed è spesso con le lacrime che vedi passare il suo amore ».



(SAPIENZA POPOLARE)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.