«Io resto concentrato »

«Vi preoccupate di un sacco di cose. A me non interessano.

Io resto concentrato ».

A volte un figlio ti sorprende per la capacità di capire cosa sia importante, essenziale.

Quando sei padre è giusto accettare il rimprovero di un bambino di dieci anni.

Ho tentato di seguire il suo consiglio. Ho provato a riflettere sulla festa che Dio stava preparando per la mia famiglia.

Ho cercato di concentrarmi. Se ci riesce mio figlio… Sono in Chiesa. C’è mia moglie vicino a me. Sono fortunato.

Nei banchi accanto al mio ci sono le famiglie dei miei amici, delle persone che condividono con me incontri, scuola, basket, catechismo, stanchezza.

Hanno il mio stesso sguardo, la medesima emozione. Sono felice di sentirmi circondato dal loro affetto.

Una fila di vesti bianche entra lungo il corridoio. Sguardi di bambini che cercano gli occhi dei genitori. Mi sembrano così piccoli, per un mistero così grande: Dio che si fa carne e che si offre per ognuno di loro.

Un amore sconfinato, inconcepibile, inarrivabile per ciascuno di noi. Le vesti mi sembrano ancora più piccole.

La messa si snoda in una Chiesa che non mi è mai sembrata così bella e così mia. La mia casa, la nostra casa, dove i nostri figli sono pronti all’incontro.

Il Vangelo: « Perché siete turbati. . . toccatemi. . . avete qui qualcosa da mangiare. . .

Egli lo prese e lo mangiò. . . ».

“Mangiare” è la differenza tra un vivo ed un morto. I nostri figli sono lì per mangiare il Pane eucaristico, iniziando così un “percorso da vivi” chiamati ad nuova vita. Il Parroco commenta il Vangelo con un esempio calzante: un ciclista che non si ciba non può vincere una corsa. L’intera celebrazione è finalizzata al momento della comunione. Siamo tutti in attesa.

Il coro inizia a cantare ed i bambini si avvicinano in maniera lenta, precisa ed ordinata per ricevere il pane consacrato. Sembrano ancora più piccoli, vicino al sacerdote così grande.

Sono concentrato. “Il corpo di Cristo” mi sembra di sentire la voce del celebrante. Sono concentrato e penso. Penso che questo momento non è casuale. Penso che questo istante sia una tappa di una storia felice e fortunata. Penso all’amore che mio padre ha riversato su di me, accettando di assumersi la responsabilità di crescermi come uomo e come cristiano e di aiutarmi a comprendere che il pane spezzato è il mio modello di vita. Penso a suo padre, e al padre di suo padre e a chi è venuto prima di loro, ognuno dei quali si è sforzato di allevare ed educare il proprio figlio al mistero di un Pane che dà senso e che impegna.

Penso ad una storia d’amore fatta di padri e di figli, a loro volta divenuti padri. Ognuno di loro porta con sé il dono di un genitore da imitare, che a sua volta ha cercato di trovare il proprio esempio in quel Dio che chiamiamo “Padre Nostro”.

Guardo mio figlio e la sua veste. Mi chiedo se saprò aiutarlo a camminare in questa sua nuova vita, facendogli sentire il bisogno di questo Pane che oggi ha assaggiato.

« . . .un sacco di cose. A me non interessano. Io resto concentrato ».

Qualche volta è un figlio che riesce ad aiutare il proprio padre, facendogli capire cos’è importante.

Sì, resterò concentrato su questa nuova esistenza che comincia oggi. Come sa fare un figlio. Come deve sapere fare un padre.

un papà


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.