Preparata nei minimi particolari dalle catechiste, si è svolta sabato 9 e domenica 10 marzo la Festa del Perdono, la prima confessione per 100 bambini della comunità. Il brano attorno al quale si è svolta la celebrazione è stata quella del paralitico che viene perdonato e guarito da Gesù, tema trattato nel corso delle ultime giornate di catechesi ma celebrato con gioia nelle giornate della riconciliazione. Presenti anche tutti i genitori dei bambini che hanno seguito con emozione lo svolgersi semplice ma ricco

dell’ incontro e che hanno suggellato con un bacio i propri figli dopo la confessione. Il parroco in una breve riflessione ha aiutato i piccoli a cogliere soprattutto l’ atteggiamento del cuore di Gesù che è di bontà infinita. Gesù è con noi per esserci amico, per salvarci, per perdonarci, per aiutarci a crescere. I bambini con serenità sono andati quindi dai sacerdoti presenti, don Remigio, don Davide, don Matteo, Padre Antonio, Don Cesare, Don Marco ... per vivere il momento sacramentale e personale del perdono, come segno hanno poi acceso loro stessi una candela al cero pasquale e pieni di sollievo si sono recati dai genitori per dare loro un bacio.

 

VOGLIAMO RIPORTARE ALCUNE RIFLESSIONI DEI BAMBINI DI III ELEMENTARE:

•  Dalla festa del perdono vorrei ricordare:quando il sacerdote Don Davide mi ha messo Gesù nei cuore per ricordarmi che il prossimo anno lo riceverò anch’io;ho incontrato difficoltà perché ero timido e temevo di non ricordare le mancanze fatte;mi ha dato gioia accendere la candela e consegnare la luce di Gesù ai miei genitori. (GIACOMO) .
•   Quando mi sono confessata la mia anima era pulita e leggera come un uccelli nolo avuto un po’di timidezza per parlare con il sacerdote; mi ha dato gioia sapere che Gesù mi aveva perdonata(ILARIA) .
•   Mi è piaciuto aver cantato con Lucia, e grazie a Gesù essermi liberata dai peccati; mi ha dato tanta gioia quando ho ringraziato Gesù dopo la confessione. (MARCO).
•  Quando mi sono confessata e ho dato la candela ai miei genitori;ho incontrato difficoltà quando sono andata dal sacerdote perché ero emozionata: balbettavo ma alla fi ne ero tanto felice;la gioia che avevo era quando Gesù Cristo mi ha perdonata per mezzo di Don Davide poi l’ho ringraziato dicendo un’ Ave Maria. (IRENE - BEATRICE).
•  Vorrei ricordare quando abbiamo cantatoci siamo fermati ad ascoltare il racconto al fonte battesimale e quando mi sono confessato da Don Matteo.Dopo la confessione ero felice,allegro ma pentitolo ringraziato tanto Gesù. (RICCARDO).
•  Vorrei ricordare quando ho detto l’ atto di dolore perché mi sono impegnata ogni giorno per impararlo e quando il sacerdote mi ha dato il crocifisso; quando stavo andando dal sacerdote avevo un po’ di paura ed ero emozionata ma poi il sacerdote mi ha rassicurata e mi è passato il batticuore. Quando sono uscita dalla chiesa ho sentito dentro di me una vita nuova perchè sembrava che i miei peccati fossero volati via. (GIORGIA).
•  Vorrei ricordare quando il sacerdote con la mano davanti alla mia fronte mi ha detto: ti assolvo i peccati nel nome del Padre ,del Figlio e dello Spirito Santo; ero emozionata e tremavo quando ì ho detto i peccati a Don Remigio. Oggi che sono più rilassata mi sono tolta un peso dal cuore. (BEATRICE)
•   Ho incontrato difficoltà quando dovevo dire i peccati ma poi mi sono ricordata che il sacerdote rappresenta Gesù; mi ha dato gioia quando dopo la confessione ho ricevuto il crocifisso ,sono andata a sedermi felice perché mi ero tolta un peso enorme dal cuore e ho dato un bacio ai ì miei genitori. (GAIA).
•  Mi ha dato gioia sapere che Gesù ci perdona i peccati ed è nostro amico.(RICCARDO).
•  Vorrei ricordare l’emozione che ho provato incontrando il sacerdote per dirgli i miei peccati; avevo paura perché era una cosa nuova ma è andato tutto bene.(MARTINA) .
•  Ho incontrato difficoltà ,non riuscivo a dire l’atto di dolore perché avevo paura ma Padre Antonio mi ha aiutata; sono contenta perché la mia”veste” è pulita e mi sono tolto un peso dal cuore. (CARLOTTA)

Le catachiste  


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.