Già da qualche anno ormai, con il week-end sulla neve, un incontro vicariale dei chierichetti all’inizio dell’anno era diventato una tradizione. Quest’anno però è stato pensato qualcosa di nuovo: perché non “trasferire” il week-end invernale dalla montagna in pianura per essere più “visibili” nelle nostre comunità? È nato il Chierichettissimo
(non nascondiamo di esserci ispirati per il nome agli amici dell’ACR) vicariale “itinerante”: quest’anno, il 12-13 gennaio, si è svolto a Pozzetto (la parrocchia più “all’avanguardia” in fatto di chierichetti e con il gruppo più numeroso). L’idea è quella di cambiare sede ogni anno, magari andando in quelle parrocchie in cui i gruppi chierichetti stentano a “decollare” per mostrare come questo servizio non solo non è superfluo, ma anzi è importante e necessario alla vita della comunità cristiana che ha nella liturgia Eucaristica il suo momento centrale.
Gioco, preghiera e servizio sono state le parole d’ordine di questo incontro che ha visto insieme, e senza nessuna difficoltà, più di quaranta bambini e ragazzi provenienti da quattro parrocchie (Pozzetto, Duomo, Ca’ Onorai e S. Anna Morosina) e di età anche molto diverse (dalla seconda elementare alla terza media). Importanti i momenti di preghiera perché il nostro è un servizio molto particolare, un incontro a “distanza ravvicinata” con Gesù durante la S. Messa, che non va preso come un gioco ma come una cosa seria (« prima il dovere e poi il piacere »). I giochi non potevano proprio mancare sennò « che noia questi raduni! »: essere chierichetti vuol dire anche essere amici tra di noi e divertirci insieme. E non potevano mancare in un incontro di chierichetti le prove per la Messa solenne, un’occasione per le “nuove leve” di imparare e per i “veterani” di rinfrescare la memoria per migliorare sempre più nel servizio liturgico.
Sabato pomeriggio la teoria, domenica mattina la pratica: alle 11 la Messa solenne nella festa del Battesimo del Signore celebrata da don Gilberto con la presenza di tutti i genitori e animata dagli stessi chierichetti: atto penitenziale, letture, presentazione dei doni all’altare, preghiera dei fedeli e, prima della benedizione, la lettura della Preghiera del ministrante che riassume lo “spirito” con cui compiamo questo servizio.
Dopo questo primo, e più importante, momento di fraternità è arrivato anche il secondo, quello del pranzo tutti insieme, e il “Rischiatutto” con i genitori che ha chiuso questo primo Chierichettissimo vicariale.
Infine i doverosi ringraziamenti: prima di tutto a don Gilberto e alla parrocchia del Ss. Redentore di Pozzetto per l’ospitalità, a don Matteo che ci ha seguiti durante questo fine settimana, agli animatori del gruppo chierichetti di Pozzetto (Valentina, Gloria, Eva e Michael) che hanno preparato le attività e i giochi, al coro parrocchiale di Pozzetto che con noi ha animato la Messa, al cuoco Franco e, dulcis in fundo, a Maurizio che, come sempre, con tanta passione e buona volontà ha organizzato questa bella festa che speriamo possa ripetersi ogni anno, sempre più numerosi.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.