Domenica 18 febbraio, alle 11,45, in Duomo, i bambini di terza elementare hanno partecipato alla Santa Messa con il rito della Consegna della Santa Croce. Questo rito è una tappa molto importante nel percorso di Iniziazione Cristiana, perché indica come la Croce di Gesù Cristo sia, per i cristiani, il segno visibile dell’amore di Dio Padre, Figlio e Spirito Santo.

I bambini, accompagnati dai genitori e dalle catechiste, hanno vissuto con molta emozione questo momento.

Una semplice processione ha preceduto l’istante della consegna, quando Don Luca ha detto ad ogni ragazzo : ”Ricevi la Croce di Cristo per crescere come suo discepolo” consegnando la croce ai genitori. A loro volta, i genitori hanno baciato la croce e l’hanno infilata al collo del proprio figlio.

Con questo gesto simbolico, i bambini hanno ricevuto la Croce attraverso la quale Dio ha rivelato al mondo il suo grande amore, mediante suo Figlio morto e risorto per noi e che ci fa tutti veri discepoli di Gesù.

Questa croce semplice, di ulivo e bella verrà indossata durante la celebrazione dei Sacramenti della Confermazione e della Comunione, per questo Don Luca ha chiesto di conservarla con particolare cura.

Questa Croce, come le tantissime croci presenti in chiesa, un numero difficile da contare, perché presenti sopra, vicino e lontano dall’altare e in tutte le pareti e le parti della chiesa, è un elemento fondamentale tra le immagini sacre. Il celebrante ha ricordato ai bambini che il segno della Croce è presente nelle preghiere in casa al mattino, alla sera, ai pasti… La Chiesa traccia sui credenti, il segno della Croce, durante la Celebrazione dei sacramenti, nel giorno del Battesimo (tutti siamo stati segnati nel nostro corpo con il segno della Croce, come un sigillo). Si traccia il segno della Croce celebrando il sacramento della Cresima, della Penitenza, dell’Unzione degli Infermi, prima della lettura del Vangelo, ecc. proprio per indicare che il Signore Gesù Cristo è sempre presente con il dono del suo Corpo e del suo Sangue, offerti, in sacrificio, sulla Croce.

Il segno della croce, quindi, è così importante che ognuno deve farlo con molta serietà, comprendendo, ogni volta, il profondo significato.

La processione dei bambini verso la sacrestia, ha concluso, infine, la Celebrazione.

Genitori, bambini e catechisti, evidentemente commossi, hanno condiviso la celebrazione con molta attenzione, profondità e responsabilità (compostezza) e con un gran proposito nel cuore: guardare alla Croce con un sentimento di gioia e gratitudine, impegnandosi, ogni giorno, a camminare sulla via di Gesù.

Testimonianza di un genitore Domenica 18 febbraio la mia bambina ha ricevuto la Santa Croce, come genitore mi sono emozionata nel vivere insieme a lei e a mio marito questo momento speciale nel Cammino di Iniziazione Cristiana, di impegno e crescita spirituale.

Io e mio marito abbiamo ricevuto la Croce da don Luca, l’abbiamo baciata e messa al collo di nostra figlia.

Con questi semplici ma toccanti gesti la nostra famiglia ha suggellato l’amore totale che il Figlio di Dio ci ha rivelato e donato nella sua morte e risurrezione.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.