Si sa, con il passare del tempo, anche le mode cambiano, ma quello che non cambia è il sistema di diventare ricchi con i soldi dei poveri. In altre parole quello che diceva tanti anni fa ROUL FOLLERAU riguardo al Terzo Mondo: « Il Terzo Mondo – diceva – sono i soldi dei poveri dei paesi ricchi che vanno ai ricchi dei paesi poveri ». Anche in Italia, come nei quindici anni passati in Africa, ho l’esperienza di questa amara realtà.  Un altro grande che ha dedicato tutta la sua vita per i cosiddetti “ultimi” è l’ABBÈ PIERRE. Anche lui era solito dire: « Se al cristiano manca la povertà evangelica, gli è facile usare il Vangelo per delle finalità non chiare e tanto meno veritiere, e dove non c’è chiarezza e verità, manca pure l’onestà: manca il Vangelo ».
Per tutta una serie d’iniziative solidali in atto, ci è spontaneo pensare che ci sono ancora tante persone che vogliono dividere il loro pane con chi non ne ha; tutto questo è vero e ci incoraggia ad essere generosi nel dono. Ma quando la gente si accorge che della solidarietà ai poveri arrivano solo poche briciole, le viene da pensare che la “signora Solidarietà” abbia cambiato nome: si chiami Cupidigia, Disonestà e Affari Personali.
Partita del cuore, quelle del fegato, “cene povere per poveri ricchi” . . . ecc., sono spesso delle ottime iniziative le cui finalità si perdono nel tempo e nello spazio.
Si tratta di credibilità, di quella credibilità che molti hanno conquistato sul campo, lavorando senza limiti di tempo e in condizioni spesso invisibili, durante una guerra, un’epidemia, o nel rischio di perire in una calamità naturale.
Anche se propendo a non assolutizzare, è da condividere pienamente ciò che diceva l’invito di MONTANELLI nel Corriere della Sera: « Se volete aiutare l’Africa, fatelo attraverso missionari religiosi e laici di casa vostra e di vostra conoscenza », dice dell’Africa per dire anche del fratello che ti sta accanto ed ha bisogno della tua bontà.
Tra questo marasma d’iniziative solidali, ci sono persone abili che sanno giocare in situazioni più svariate; le troviamo spesso così presenti in organismi di potere perché hanno il denaro. Sì!, perché chi ha il denaro ha quasi sempre anche il potere. Potere, denaro e forza infossate in megalitiche costruzioni di mattoni, dove il “Progetto Uomo” non esiste. Esiste invece la loro arroganza che si impone sempre con la forza del denaro.
E l’Africa, più che di grandi costruzioni di mattoni ha bisogno soprattutto di “pietre viventi”.
Costruire l’uomo sul programma del Vangelo richiede accoglienza, pazienza e soprattutto speranza che il seme posto nel cuore dell’uomo un giorno darà frutto.

"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.