Quando sta per succederci qualcosa di speciale tutto il nostro essere muta e vive l’attesa. È un crescendo di sensazioni che all’avvicinarsi dell’evento ci porta ad essere nervosi, impazienti, emozionati. . .

Così è stato per i ragazzi le le ragazze di terza media della nostra comunità. Da novembre ad aprile un continuo crescendo alla scoperta della comunicazione in gruppo, in famiglia, imparando ad ascoltare e scoprendo lo Spirito Santo attraverso i simboli della colomba, dell’acqua, del fuoco e del vento.

Poi è giunto il giorno fissato per la cresima: l’11 aprile.

Le emozioni si sono fatte più forti, l’attesa sembrava non finire mai.

Sono stati 99 cammini, 99 attese, 99 chiamate e soprattutto 99 eccomi.


Lo Spirito Santo invocato, è sceso nel silenzio di una chiesa gremita e ha ricolmato i cresimati dei suoi doni, soprattutto gli ha resi 7 volte liberi.

1. Liberi dalla confusione che non distingue il bene dal male 2. Liberi dalla superficialità.

3. Liberi dalla mancanza di senso nella nostra vita; dalla massificazione mostrandoci che ciascuno di noi è unico e irripetibile, amato in modo speciale da Dio.

4. Liberi dalla paura, dalla timidezza, dalla viltà.

5. Liberi dalle false immagini di Dio.

6. Liberi da un mondo falso di vivere la religione 7. Liberi dalla tentazione di voler decidere da soli ciò che è bene e ciò che è male.

Per maturare i doni ci vorrà il tempo di crescerli, per vederli basterà guardare i cresimati negli occhi, esprimono gioia e allegria, un modo più “inebriante” di vivere il quotidiano che contagia le persone che li stanno accanto.

Sono 99 persone meravigliose che Dio ha donato a questa comunità, capaci ormai di dare la loro personale risposta ad una chiamata e a viverla giorno per giorno.

Non ci resta che invocare lo Spirito Santo affinché accenda il loro e il nostro cuore e lo renda capace di amare, i loro e i nostri occhi affinché li renda capaci di vedere le cose meravigliose che Dio ci dona, la loro e la nostra vita affinché la renda capace di comunicare con gioia a quelli che ci sono accanto.





L'anima mia

L’anima è come il mare:

un mareggio la risalita

guarda al cielo:

l’altra la porta via

sino al profondo abisso.

Il sole si colora

quando il mare spinge

l’onda al cielo

e i chiaroscuri avvolgono

i bianchi scogli

che s’immergono

infrangendo e

offuscando le onde.

Così, come il mare è:

l’anima mia.

BRUNO FRASSON


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.