« Faccio mie le riflessioni della Scuola Materna di Cartura e pubblico per condivisione e approvazione affinché la gente sappia come stanno le cose » (don Gilberto).

 Non parliamo di un nuovo torneo sportivo organizzato dal CONI, ma del trattamento riservato nella nostra nazione ai bambini che frequentano le scuole paritarie. Cosa sono le scuole paritarie? Le scuole paritarie sono quelle scuole o dell’infanzia o primarie o superiori che rispondono a tutti gli effetti alle richieste ministeriali specifiche la cui gestione non è pubblica ma privata.

Ah, ecco capito: i bambini di seria A sono quelli che vanno nelle scuole private perché hanno i soldi e quelli di serie B sono quelli che vanno nelle scuole pubbliche perché non si possono permettere la scuola privata! Così molti pensano.

Difatti tutta la gente di Cartura è ricca e manda i propri bambini alla scuola materna paritaria e privata parrocchiale.

E siccome è ricca paga una retta che aumenta di anno in anno.

No, non è così? Non è più ricca di quella che abita a Conselve, a Pernumia o a Padova? Perché lì allora un bambino paga solo i pranzi e non l’istruzione? Perché a Cartura deve pagare anche l’istruzione? Appurato dunque che ciò non è dovuto alla ricchezza della nostra gente (magari! dirà qualcuno!!), allora è solo questione di sfortuna, quella di essere nati in un paese dove c’è la scuola paritaria e dunque se a scuola ci vuoi andare, la paghi.

Della serie, ci sono bambini fortunati e altri meno: serie A e serie B, appunto! Ma la sfortuna non dipende dagli uomini. Qui invece non si può parlare di sfortuna, ma di ingiustizia, anzi di profonda miopia perché se le cose sono così dipende dalle scelte politiche che una nazione compie.

Piano, potrebbe, dire qualcuno: è tutta colpa delle parrocchie che vogliono continuare a tenersi le scuole materne per avere potere sul territorio, sulle famiglie, per guadagnare.

Le scuole materne sono nate quando nessuno pensava di fare questo servizio per i bambini e la parrocchia ha supplito la deficienza dello stato il quale quando ha cominciato a rendersi conto del bisogno si è guardato bene di farle dove già c’erano perché se a gestirle erano già le parrocchie non avrebbe speso soldi per la loro realizzazione e gestione. Altro che guadagni nostri. Sono state fatte con le offerte e i risparmi di una intera comunità costituita nella stragrande maggioranza da contadini e da operai, e dalle rinunce di una parrocchia che su queste strutture ha messo e continua a mettere tutte le offerte dei suoi fedeli perché vuole bene ai suoi bambini e desidera per loro il meglio.

Oggi nel Veneto ci sono circa 94 mila bambini (il 70% del totale dei bambini dai 3 ai 6 anni della regione) che frequentano le scuole materne paritarie e lo stato risparmia ca. 590 milioni di euro all’anno, cioè se lo stato le avesse in carico pagherebbe oltre ai 54 milioni (57 euro al bambino al mese x 10)che attualmente versa alle scuole paritarie, altri 590milioni ogni anno!!! Senza contare il risparmio della costruzione e manutenzione strutture.

I 590 milioni che lo stato risparmia a chi vanno? ad aiutare le scuole paritarie visto che gli conviene tenersele care? Magari! E allora come fanno queste ad andare a avanti? Pagano le famiglie, contribuisce il comune, contribuisce la regione e soprattutto la scuola materna paritaria ha un costo di gestione pari a 2800 euro annuale per bambino, mentre una statale ne costa quasi 7000.

E siccome i comuni non hanno soldi (il nostro comune contribuisce con 33 euro mensili per 10 mesi a bambino), la regione contribuisce con 15 euro mensili a bambino e ne dà sempre meno (inoltre al 25 corrente mese non ha ancora versato 20 mila euro già stanziati per la gestione nido e materna del 2009/10), chi deve pagare la differenza sono i genitori dei bambini e, se non pagano, è la parrocchia.

E così: 1. Come premio per aver fatto risparmiare lo stato (vedere la differenza tra il costo della statale dalla parrocchiale), i contributi vengono di anno in anno ridotti (quest’anno 12mila euro in meno dell’anno precedente) e quelli che vengono dati sembrano rubati alla collettività!!! Perché i nostri bambini sono considerati di serie B. E invece sono bimbi “doc” certificati!! sono i figli della nostra gente, nati in questo paese.

2. I genitori contribuiscono con le loro tasse a pagare la scuola materna dei bambini italiani, mentre quella a cui mandano i propri figli la devono pagare di tasca propria.

3. Ogni anno per far fronte a questa situazione le rette devono essere aumentate. Nella provincia di Padova la retta media per bambino è di ca.

150 euro (gli studi della Fism dicono che la retta giusta sarebbe di euro 172).

4. È stato chiesto alla Regione Veneto di farsi carico di questa situazione essendo il fenomeno delle scuole paritarie una caratteristica culturale del Veneto (scuole della comunità, possono essere definite), magari togliendoci un po’ di tasse (il Veneto dà alle scuole paritarie 13.920.000 di euro e incassa da esse ca. 5 milioni di Irap) o dandoci un po’ di soldi di quelli che vengono dati ai diversi enti per il recupero dell’identità veneta visto che è una caratteristica culturale veneta.

Niente.

5. Becchi e bastonati, dice il proverbio: così le nostre famiglie e le nostre scuole.

Pertanto, perché sia chiaro che ad avere le scuole non è certo un guadagno per nessuno, si sta pensando in tutto il Veneto di chiudere tutte le scuole paritarie e di dire allo stato, alla Regione, ai Comuni di arrangiarsi. Noi le affittiamo.

Con i soldi dell’affitto paghiamo i debiti e non dobbiamo più chiedere niente a nessuno.

Se le cose andranno avanti così, prima o poi capiterà.

6. Art. 31, della costituzione italiana: “La scuola è aperta a tutti” e la carta dei diritti dell’unione europea dice all’ art.

14.: a. Ogni individuo ha diritto all’istruzione e all’accesso alla formazione.

b. Questo diritto comporta la facoltà di accedere gratuitamente all’istruzione.

7. Che cosa chiediamo? Che venga considerato il servizio che queste scuole fanno e che venga resa giustizia alle famiglie e a chi gestisce queste scuole.

La direzione della scuola materna parrocchiale di Cartura Cartura 25.02.2011

(Lettera inserita nel libretto parrocchiale del mese di marzo, e spedita alla redazione del “Il Mattino” di Padova)


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.