In un incontro di giovanissimi, dopo l’annuncio della rinuncia del papa Benedetto XVI, se ne parla, entro io parroco e domando: ‘che ne dite? Perché?’ Risposte brevi: “Mafia nella curia romana... Pedofilia dei preti… Vecchiaia… non si capisce bene”.
Leggiamo assieme la dichiarazione di rinuncia del Papa. Si nota un clima di sollievo.
Si sottolinea nella dichiarazione: le mie forze, per l’età avanzata non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino…

nel mondo d’oggi, soggetto a rapidi mutamenti… è necessario anche il vigore del corpo e dell’animo… Con piena libertà dichiaro di rinunciare… Ora affidiamo la santa Chiesa alla cura del suo sommo Pastore, Nostro Signore Gesù Cristo. Si continua riflettendo sulla natura della Chiesa.
I documenti della Chiesa, specie il Concilio Vaticano II, riconoscono che per mandato di Gesù la Chiesa cerca di dare continuità all’opera iniziata dal suo Fondatore, ma mentre il Signore Gesù è pienamente Santo, innocente e immacolato non conoscendo peccato, la Chiesa raccogliendo nel suo proprio seno peccatori, è allo stesso tempo santa e peccatrice, bisognosa continuamente di conversione e rinnovamento.
Si racconta: un giovane cercò, un giorno un vecchio monaco e gli raccontò dell’insoddisfazione e disillusione con la sua parrocchia. Aveva sognato tanto con una comunità ideale, senza difetti e senza problemi e lì trovava solo persone con imperfezioni e peccati. Il saggio religioso lo portò in un luogo dove c’era una chiesetta e gli domandò: ‘che cosa vedi?’ Il giovane rispose: ‘Vedo una cappella diroccata e in pessime condizioni’. Il monaco li rispose: ‘è vero la chiesetta è come l’hai descritta; però in essa abita Dio!’ Lo stesso capita con la tua parrocchia. Essa non è così pura e perfetta come tu desideri, perché è formata di esseri umani.
Anche tu sei un essere umano e per questo fai esperienza dei tuoi limiti e peccati.
Tra l’altro anche se tu incontrassi, un giorno, una parrocchia perfetta, cesserebbe di essere perfetta nel momento che tu entri in essa!”.
Sì, la Chiesa è santa e peccatrice perché abbiamo imparato con il Concilio, che essa, Popolo di Dio siamo noi e… rimane ‘la Santa Madre Chiesa’, grembo che genera alla fede e mantiene presente il Cristo nella Storia. E allora collaboriamo per rendere la nostra chiesa come Gesù la vuole.
A proposito grazie a tutti coloro che, in questi giorni, si dispongono a servire le nostre comunità come membri dei Consigli Pastorali Parrocchiali.
vostro Don Armando  

 


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.