Come è possibile? È veramente una novità ed è arrivata anche dalle nostre parti e con molti punti di domanda. Con la richiesta del vescovo Antonio a Don Matteo, parroco di Cà Onorai ad essere disponibile per un servizio in altra parrocchia della diocesi, don Armando, da tre anni parroco del Pozzetto, è stato invitato ad assumere 'anche' la parrocchia di Cà Onorai.
Un sentimento di amarezza e.. di delusione si è diffuso nei parrocchiani al sapere che non sarebbe stato nominato un parroco solo per loro.

Amarezza per la perdita del giovane parroco e pastore che li ha accompagnati con dedicazione e competenza per ben otto anni.
Delusione per la mancata nomina di un parroco a servizio esclusivo della comunità.
Circa due mesi di profondo malessere per l'incertezza e la non chiarezza della nuova proposta. Inutili tutte le proposte e le comunicazioni con il vescovo e suoi rappresentanti.
Ma la comunità di Cà Onorai non è rimasta immobile. Si è attivata per mettere in atto quell' 'autonomia laicale' proposta dalla Chiesa con radice nella comune vocazione battesimale.
Il Consiglio Pastorale Parrocchiale allargato ai diversi gruppi della parrocchia si è incontrato per individuare esigenze e aspettative nella nuova proposta del Vescovo, assieme alla presidenza del Consiglio Pastorale di Pozzetto.
Sono state esaminate le varie attività già esistenti che meritano di essere mantenute e sviluppate.
La presenza dello stesso parroco dovrà allargare le collaborazioni possibili e necessarie, attenti a ciò che unisce vivendo nello stesso territorio.
La celebrazione del saluto riconoscente e commosso a Don Matteo e dell'accoglienza del nuovo parroco, domenica 14, ci fa sperare nella protezione dello Spirito che accompagna la sua Chiesa.
Il Signore ci benedica e ci accompagni.

Don Armando


"Per un pugno di dollari"


Cittadella ascolta


17 dicembre 201817 dicembre 2018

I sette peccati capitali della ricchezza

cottarelli

PROF. CARLO COTTARELLI, economista


Venerdì 25 gennaio 2019

La responsabilità delle élites

calenda

Dottor Carlo Calenda già  ministro dello sviluppo economico


Venerdì 1 febbraio 2019

Ricchezza e Disuguaglianza

padovan

PROF. PIER CARLO PADOAN già ministro dell’Economia e delle Finanze.


 Lunedì 4 marzo 2019

Da ricchezza che non sazia

bruni

PROF. LUIGINO BRUNI, Professore Ordinario in Economia Politica al Dipartimento di Giurisprudenza, Economia, Politica e Lingue Moderne dell’ Università Lumsa di Roma

locandina incontri fidanzati cittadella 2018

Assemblea diocesana 2018 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.