Spesso nel nostro vivere insieme incontriamo dei problemi di comunicazione.ono importanti e forse vale la pena rifletterci perché costituiscono la trama della vita quotidiana. Una comunicazione scorrevole tra gli uomini è difficile. Forse si potrebbe pensare che è facilissima, dal momento che il bambino comunica istintivamente, comunica con tutto il suo corpo.
Il bambino piccolo comunica con tutto il corpo:

quando sente che la mamma è tornata da casa, si agita, grida, sgambetta, la gioia gli esce da tutti i pori della pelle.
Poi evidentemente impara a comunicare verbalmente e la sua comunicazione si specifica, si precisa fino ad arrivare al quattordicenne che sta guardando la televisione e quando la mamma entra in casa, si limita a fare un segno con la mano, senza nemmeno voltarsi. La comunicazione si è quindi specificata e anche ridotta. Nell’adulto rimane spesso così: comunicazione molto ridotta, in cui si vogliono risparmiare i gesti comunicativi, oppure si pensa che bastino poche forme.

Viviamo tipologie di comunicazioni carenti.
Una di queste è quella del fatto compiuto. Il fatto cioè deve bastare a comunicare.
Uno sente dire nel Consiglio pastorale cose che non sapeva e non conosceva, oppure sente dire nella predica cose che gli fanno capire che c’è una certa decisione, ma che non è mai stata minimamente comunicata.
Questo tipo di comunicazione, che va per fatti compiuti, avviene spesso pure nelle famiglie, fino ad arrivare a casi limiti: « Sai, domani mi sposo ». La comunicazione a shock, che è paura di comunicare, volontà di tenere tutto segreto, nascosto, per un’istintiva incapacità comunicativa.
Le forme di comunicazione non del tutto carente, però insufficiente, sono molte. Una forma è di chi dice: « Tocca a lui chiedere, se mi chiede glielo dico, se non mi chiede vuol dire che non gli interessa ».
Un’altra è di chi fa scorrere la cosa una volta (« mai io l’ho detto! »), in situazioni appena appena abbozzate e chiarite. Giuridicamente la cosa è stata detta, ma in realtà non c’è mai stata una riflessione comunicativa.
In proposito manchiamo molto tutti, perché la vita è complicata, difficile, ci sono mille problemi e uno preferisce scusarsi lasciando le cose nell’aria e poi dicendo che sono state dette e che bisognava capirle. Un’altra forma di comunicazione è insufficiente è quella del bigliettino inteso come sistema: tutto a bigliettini. Uno arriva in camera, trova il bigliettino, chissà cosa ci sarà, e ogni volta c’è la sorpresa. Non che non possa essere utile il bigliettino, però c’è un giusto modo di comunicazione.
È insufficiente la comunicazione che sbaglia nei modi di comunicazione, che esagera in un senso o nell'altro, oppure si tiene troppo sulle sue.
La comunicazione giusta è quella nella quale ogni cosa ha il suo giusto modo comunicativo.
Evidentemente è difficile imbroccarla sempre, molte volte manchiamo e, proprio per questo, dobbiamo saper scusare gli altri. Guai se pretendessimo che gli altri siano sempre perfetti nei mezzi, nei modi e nei tempi comunicativi. Si può sempre trovare in fallo un altro, o perché una cosa non l’ha detta o perché non l’ha detta bene oppure l’ha detta a tempo sbagliato.
Quando si vuole trovare uno in fallo, si riesce sempre.
La consapevolezza che noi manchiamo, ci aiuta a diventare misericordiosi e forse la misericordia, la pazienza, la capacità di riprendere sempre il filo del discorso, sono la vera comunicazione giusta.
Un’altra caratteristica della comunicazione giusta: comunica un po’ di più dello stretto necessario, va un po’ più in là. Perché il comunicare è un fatto di affluenza, di ricchezza e non ammette rigidità.
A tale forma siamo chiamati a tendere con estrema fatica, con molta esperienza, dal momento che ci vuole tutta una vita e malgrado tutta l’attenzione, possiamo sbagliare.
E noi come comunichiamo? come sta il nostro modo di comunicare con gli altri? Auguro a tutti un sereno ottobre.
Don Gilberto

"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.