Quando vi arriverà a casa questo bollettino di dicembre, avremo già iniziato uno dei periodi più belli e più intensi dell’anno liturgico: l’Avvento, tempo di 4 settimane che prepara e cerca di preporre gli animi, il cuore e la mente al Natale del Signore.
Il Signore è già nato a Betlemme tanti secoli fa, perché ci viene riproposto ogni anno questa festa del Suo Natale? perché ci vengono fatti sempre gli stessi discorsi e gli stessi riferimenti? Perché la nostra vita ha bisogno di punti di riferimento, e per noi cristiani la NASCITA e la MORTE e RISURREZIONE di Cristo sono due riferimenti forti e importanti della nostra crescita nella fede.

Perché la nostra vita è ciclica, passa attraverso attraverso le stagioni del tempo e quelle della vita e strada facendo ha bisogno di non perdere la MEMORIA STORICA: da dove vengo? da dove nasce la mia fede? dove vado? dove mi porta la vitae la mia fede?

Perché le feste nella nostra vita le danno QUALITÀ!!! Esprimono la gioia dell’incontro, l’apertura al bello, al grande, al buono, al vero; spingono a cercare qualcosa e Qualcuno che oltre a far felici noi, possa far felice qualcun altro.
Perché le feste (spero), non si siano ridotte solo ad essere l’anima del commercio, che in fondo gratificano chi può vendere e chi può comprare, ma continuino ad essere SCOPERTA e RISCOPERTA dei valori più veri: la famiglia, lo stare insieme, la condivisione, la pace, il sentirsi incoraggiati e non abbandonati da Dio e dalle persone.
La mia proposta e il mio augurio è che in tanti, magari fossimo tutti su questa terra, riusciamo a diventare PIÙ RICCHI, non tanto in COSE e in BENI materiali ma in UMANITÀ.
La POVERTÀ della NASCITA del Signore Gesù, svegli in noi gli atteggiamenti e i sentimenti che possono rendere più vere e più credibili le nostre relazioni; ci stimoli a diventare o meglio a trasformarci nelle scelte e prima ancora nelle precedenze da dare ai nostri pensieri e alle nostre faccende.
È proprio vero, ciò che conta di fronte ogni persona è il nostro modo di fare, è l’esempio, la nostra testimonianza, non in modo ostentato ma umile ed equilibrato.
E che i segni della fede siano realmente SEGNI che ci portano ad amare il Signore e ad approfondire il nostro rapporto con lui.
Buon Avvento e Buon Natale.

Don Gilberto


"Per un pugno di dollari"


Cittadella ascolta


17 dicembre 201817 dicembre 2018

I sette peccati capitali della ricchezza

cottarelli

PROF. CARLO COTTARELLI, economista


Venerdì 25 gennaio 2019

La responsabilità delle élites

calenda

Dottor Carlo Calenda già  ministro dello sviluppo economico


Venerdì 1 febbraio 2019

Ricchezza e Disuguaglianza

padovan

PROF. PIER CARLO PADOAN già ministro dell’Economia e delle Finanze.


 Lunedì 4 marzo 2019

Da ricchezza che non sazia

bruni

PROF. LUIGINO BRUNI, Professore Ordinario in Economia Politica al Dipartimento di Giurisprudenza, Economia, Politica e Lingue Moderne dell’ Università Lumsa di Roma

locandina incontri fidanzati cittadella 2018

Assemblea diocesana 2018 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.