Dopo le avventure dei campi estivi vissute durante l’estate è arrivato ottobre: tempo di passaggi.

Nella vita di ogni gruppo scout la ricorrenza dei Passaggi di inizio anno è uno dei momenti importanti; occasione per incontrarsi dopo i campi estivi e momento di festa dedicato ai ragazzi che affrontano il passaggio verso una nuova Branca (gruppi di varie età: Lupetti/ Coccinelle 9-12 anni, Esploratori/Guide 13-16 anni, Rover/Scolte 17-21 anni).

Per vivere una fantastica avventura quest’anno abbiamo preso il treno facendo la gioia di ogni Lupetto e Coccinella e ci siamo diretti al lago di Levico.

Lo stupore di un luogo nuovo non è di certo mancata nel volto dei nostri ragazzi ma anche un po’ la fatica delle nostre gambe per raggiungere la casa che ci avrebbe ospitato per la notte. Un’allegra cena tutti assieme ha dato poi il giusto entusiasmo anche ai più grandi in vista del gioco serale in onore dei 150 anni dell’unità d’Italia; tra canti e corse a più non posso ci siamo veramente riscoperti tra noi fratelli ed abbiamo apprezzato la gioia di condividere anche un semplice gioco.

Nella mattinata di domenica tutta la nostra attenzione è andata ai ragazzi protagonisti dei passaggi affinché potessero sentirsi accolti nella nuova branca in cui entravano ed affrontare così una splendida nuova avventura lasciando indietro la nostalgia del tempo passato.

Questa uscita per il nostro gruppo scout del Cittadella 3 è stata un’occasione non solo di comunità ma anche un momento per iniziare a celebrare il nostro compleanno. . . eh sì proprio così. . . anche i gruppi scout compiono gli anni!! Il nostro gruppo quest’anno festeggia i suoi primi 30 anni di attività!!!! Di sicuro quest’anno per il nostro gruppo sarà proprio speciale: non solo per ricordare tutte le fatiche e le avventure che i nostri trent’anni di scoutismo ci ricordano ma anche per riscoprire il valore aggiunto di sentirsi parte di una comunità; una comunità nella quale poter sperimentare l’amicizia dei fratelli, il brivido dell’avventura che il creato ci offre e la ricchezza nel donarsi agli altri con spirito di servizio.

L’augurio che noi Capi facciamo a tutti i nostri ragazzi è di vivere a piene mani l’avventura dello scoutismo con cuore sincero e leale, certi che lungo il loro percorso sapranno incontrare compagni con cui condividere le fatiche e le gioie della loro vita. Visto che siamo all’inizio dell’anno nelle nostre attività un pensiero non può di certo non andare a tutti i Capi che continuano ad offrire il loro servizio verso i ragazzi della nostra Comunità parrocchiale.

Auguriamo a tutti di saper essere nella loro umiltà un esempio di “adulti felici” che vivono e si preoccupano non solo della loro esistenza, ma che hanno a cuore anche l’educazione dei ragazzi di oggi che saranno gli adulti di domani.

A tutti i fratelli che si spendono per gli altri auguriamo che quest’anno sia una nuova occasione per poter approfondire relazioni importanti che lascino il segno nella nostra comunità .

Auguriamo inoltre a don Armando di entrare subito in sintonia con la nostra comunità di riuscire a cogliere questa sua nuova avventura come una nuova sfida e opportunità per creare nuovi legami.

I capi del gruppo scout Cittadella 3: Jessica Marostica e Brotto Ernesto


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.