La crisi economica globale e i suoi nefasti effetti su tutti i paesi del mondo ha fatto fallire un importante obiettivo dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro: l'eliminazione delle peggiori forme di sfruttamento del lavoro minorile.
Negli ultimi quattro anni il numero dei bambini impiegati in attività lavorative è calato nel mondo da 222 milioni a 215 milioni, cioè solo un misero 3%.
È difficile immaginare una condizione di lavoro decente per un bambino o una bambina.

In sostanza, le condizioni peggiori sono tutte quelle forme di lavoro che hanno un altissimo rischio di morte.
Attività minerarie, lavori che portano a contatto con sostanze chimiche pericolose, oppure attività odiose come la prostituzione, impiego in azioni di guerra o per la fabbricazione di ordigni bellici.
Alcuni dati:
• 215 milioni attualmente il numero complessivo di bambini lavoratori.
• 115 milioni il numero dei bambini coinvolti in attività pericolose.
• Il lavoro minorile è aumentato del 20% nella fascia di età tra i 15 e i 17 anni. Dieci milioni in più!
• Il 60% parte dei bambini lavoratori è nel settore agricolo e solo uno su cinque riceve una retribuzione.
Le enormi ricchezze naturali dell'Africa e anche di altri paesi del sud-est asiatico basterebbero a sanare tutti i mali di quelle regioni, se non fossero depredati da governi corrotti o da dittatori senza scrupoli al soldo delle multinazionali.
Contrariamente alle promesse del G8 dell'Aquila, i fondi per i programmi di sviluppo e per la cooperazione sono spariti.
Aiutiamo le missioni, controlliamo la provenienza delle merci che compriamo, informiamoci se i marchi che producono tali merci sfruttano manodopera minorile (ci sono molti siti in internet dove si possono raccogliere informazioni), se i diritti essenziali dei lavoratori sono rispettati.
Se compri un bene prodotto da chi sfrutta un minore sei anche tu complice.
C'è chi ruba e chi regge il sacco, ma sono entrambi sullo stesso piano di fronte della giustizia degli uomini e, soprattutto, a quella di Dio.

Paolo Grancara


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.