E' l'ultimo giorno di questo malebenedetto 2012. Sono in macchina e sto andando con mia moglie a comprare le ultime cose per il cenone che questa sera faremo, rigorosamente a casa, con i nostri quattro "vecchi" che messi assieme accumulano 326 anni. I fi gli ormai hanno altre mete.

Una radio privata ha lanciato il solito sondaggio "cazzabubbola" su cosa vorremmo buttare dalla finestra dell'anno che sta per finire: chi vorrebbe buttare la suocera, chi il virus influenzale che lo costringe a letto, chi il vigile che lo ha multato e molti il marito/moglie/ex fidanzata ... e così via per ogni gusto e fantasia.
La domanda però mi ha catturato: cosa butterei io dalla finestra?

- Vorrei buttare i posti di lavoro che si sono persi.
- Le diseguaglianze che sono all'origine di questa crisi e che si sono ulteriormente allargate.
- L'aumento della povertà e della disoccupazione.
- Le spese militari (dai 3 ai 4 miliardi l'anno!) che sottraggono risorse alle famiglie e allo sviluppo.
- I cumuli di cariche e i relativi super stipendi ,le pensioni d'oro, i vitalizi, i privilegi e prebende varie.
- Il debito pubblico creato da allegre e scellerate scelte politiche basate solo su tornaconti personali, elettorali e clientelari.
- Il rigore fi ne a se stesso, incapace di trovare le risorse per far ripartire l'economia, quella "buona", quella ha il sapore dell'equità.
- Le false promesse elettorali che già in questo inizio di campagna elettorale ci vengono abbondantemente somministrate.
- Ometto volutamente di citare la corruzione, le ruberie, la mafia ecc. perché queste sono cose che dovrebbero essere già perseguite per legge e che quindi la decisione buttarle è già di per sé un'ovvietà.
Per il futuro auspico che il lavoro torni ad essere il tema centrale di qualsivoglia "agenda", che scuola e ricerca siano punti strategici e non solo costi da tagliare, che finisca l'ubriacatura della finanza e che siano intraprese azioni efficaci a far ripartire lo sviluppo e riequilibrare la giustizia sociale.
Infine, ma non ultima, la possibilità di immaginare un futuro migliore per i nostri giovani e (perché no) anche per noi adulti e ... futuri anziani.
E voi, cosa vorreste buttare o avere per il futuro?

 

 

Paola Grancara


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.