La Polisportiva Pozzetto quest'anno taglia il traguardo dei 25 anni di attività. Fondata sullo slancio emotivo e sull'entusiasmo di un gruppo di amici, che hanno voluto riunire intorno alla parrocchia del Pozzetto tutti coloro che si riconoscevano nei valori sani ed educativi dello sport, ancora oggi la Polisportiva continua con grande passione la propria attività, grazie all'impegno e alla dedizione di tanti volontari che hanno fatto propria i principi così ben espressi nella "mission" della Polisportiva: Aiutare i ragazzi a crescere, diffondendo la cultura dello sport come momento di aggregazione e di condivisione delle proprie esperienze.
Essere portatori di valori per far crescere i ragazzi nell'ambito di una sana competizione, nel rispetto delle regole di tolleranza e pacifica convivenza. In due parole: CREARE COMUNITA'.
Far incontrare le persone, condividere esperienze, passioni, gioie e anche sofferenze, queste sono l'essenza di una comunità, che noi della Polisportiva in questi anni abbiamo cercato di fare proprie. La nostra Società è affiliata alla F.I.G.C. e svolge la propria attività nella delegazione di Bassano del Grappa, conta circa 100 giocatori tesserati, impegnati nelle varie categorie, dai Piccoli Amici, (coloro che hanno compiuto i 5 anni), fino alla Terza Categoria, che quest'anno ha ripreso il proprio cammino nel campionato federale.
Il calcio per la Polisportiva è la parte preponderante dell'attività, da settembre a maggio impegna giocatori, tecnici e tanti collaboratori che volontariamente mettono a disposizione il proprio tempo; un impegno particolare, anche per l'emozione che suscita, viene richiesto per l'organizzazione del nostro Torneo "Chiara Mantovan" che si svolge a cavallo tra maggio e giugno, che vede la partecipazione di 16 squadre delle categorie esordienti e pulcini, con oltre 200 atleti impegnati. L'impegno nel calcio non ci fa però dimenticare che la Polisportiva è inserita in un contesto sociale molto più ampio, che ci spinge ad impegnarci anche in altre attività extra calcistiche ed in collaborazione anche con altri enti e gruppi che svolgono la loro attività in ambito parrocchiale: dal Consiglio Pastorale fino al circolo Noi.
Particolarmente significativa per noi è l'organizzazione della Cicloturistica, in genere la seconda domenica di giugno, che coinvolge non solo i componenti della Polisportiva, ma tutti gli abitanti del Pozzetto e anche delle zone limitrofe, piccoli, grandi, giovani ed anziani. Si tratta di una pedalata non competitiva in Brenta, che vede la partecipazione di intere famiglie in un clima di sana allegria. Certo, come tutte le organizzazioni, anche la Polisportiva Pozzetto ha bisogno di guardare avanti e di capire che strada intraprendere per assicurarsi un futuro; la riflessione fatta ci ha portato ad operare alcuni cambiamenti importanti, a cominciare dal nuovo assetto societario, con l'ingresso di nuovi soci, l'elezione di un nuovo Consiglio Direttivo che ha operato delle scelte importanti, non sempre di facile attuazione, finalizzate unicamente a ridare slancio alla struttura organizzativa della società, per garantire quegli obbiettivi di crescita quantitativa e qualitativa che sono per noi fondamentali per garantirci un futuro. In tale ottica va evidenziata la convenzione sottoscritta con l'A.S. Cittadella, che impegna reciprocamente le società ad uno scambio di informazioni e di esperienze nell'ambito del settore giovanile, consentendo in tal modo alla Polisportiva di beneficiare dei suggerimenti e delle indicazioni tecniche che l'A.S. Cittadella si è offerta di trasmetterci. Va inoltre messo in evidenza il rapporto di collaborazione che da quest'anno abbiamo costruito con la Juventina Laghi per mettere a fattor comune le proprie esperienze.
Al bando i campanilismi, le diversità e anche le rivalità, gli organi direttivi delle due Società si sono confrontati, hanno discusso e alla fine hanno deciso di portare avanti un progetto che prevede una gestione mista delle squadre giovanili e un confronto continuo sulla visione comune delle scelte tecniche ed educative, finalizzate alla crescita costante dei nostri ragazzi. Certo, i tempi non sono facili, portare avanti un'attività di puro volontariato non è semplice, specie per la difficoltà di reperire fondi e sponsorizzazioni, però ci siamo e vogliamo andare avanti con rinnovata fiducia, nella consapevolezza che far star bene i nostri ragazzi significa per noi raggiungere un grande traguardo.

Enzo Mantovan


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.