Quando a luglio della scorsa estate Laura e Pietro ci chiesero: "Venite con noi a presentare la Comunità Papa Giovanni XXIII a Papa Francesco?" la nostra risposta fu unanime: " SI!!!! Quando partiamo?" E la gioia divenne ancora più grande quando vedemmo gli occhi commossi ed eccitati dei nostri figli quando li abbiamo informati della decisione. Così attendemmo con entusiasmo il 20 dicembre. Quel giorno Papa Francesco incontrava in udienza privata presso la meravigliosa Sala Nervi, la Comunità di Don Oreste Benzi. Il 2014 è stato un anno davvero importante per la Comunità: sono trascorsi 10 anni dal riconoscimento della Santa sede come Associazione Internazionale di fedeli e si è aperto il processo di beatificazione del suo fondatore, Don Oreste Benzi. Così eravamo circa in 7000 da Papa Francesco: in prima fila i tanti "piccoli" che abitano le case famiglia, carcerati, immigrati, madri in difficoltà, bambini e adulti disabili. Tutti pervasi da una grande desiderio: incontrare questo Papa, un Papa vicino "ai più piccoli della Terra". Papa Francesco è entrato nella Sala Nervi accolto da un grande boato di esultanza: eravamo tutti molto eccitati e man mano che percorreva la navata centrale per dirigersi verso il centro della sala sentivamo che l'emozione cresceva. Quando, ad un certo punto, al grido "FRANCESCO, FRANCESCO, FRANCESCO" , Lui si è girato verso di noi e ha guardato il nostro piccolo Giacomo, appostato sulle spalle del cugino.
Ricordo ancora quel sorriso e quegli occhi felici; Giacomo, un po' intimidito, gli ha porto la foto della sua scuola materna, con i volti delle insegnati e di tutti i bimbi che la frequentano. Lui l'ha presa, l'ha guardata e con la sua grande mano ha benedetto la testolina del nostro monello. Penso che porteremo nel cuore per il resto della nostra vita quell'emozione, sarà un ricordo indelebile per la nostra famiglia. La scuola materna di Pozzetto ci ha dato tanto in questi 3 anni e siamo onorati di aver contribuito a renderla ancora più importante: ora è tra i ricordi e pensieri del nostro amato Papa Francesco!!! Un grazie speciale a chi ha reso possibile tutto questo: la Comunità Papa Giovanni 23°, le maestre e le coordinatrici della scuola materna. Grazie per averci permesso di ricordare ancora una volta che è la presenza del Signore a segnare la differenza tra la schiavitù del male e la libertà del Bene, un Bene che allarga gli orizzonti e crea in noi il desiderio di incontrare Gesù.
Grazie Santo Padre per averci accolti, tutti e indistintamente, come tuoi fratelli.

Silvia e Mauro Parolin

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.