L'APERTURA DELLA COPPIA: FATTORE E CRESCITA E DOVERE DI TESTIMONIANZA .
Dalla Pastorale della Famiglia: "LA CRESCITA DELLA COPPIA E DELLA FAMIGLIA, AIUTATE A VIVERE LA LORO SPECIFICA VOCAZIONE E MISSIONE, PERCHE' GIUNGANO A CONDURRE UNA VITA OGNI GIORNO PIU' SPIRITUALE E PIU' INTENSA". Il sacramento del matrimonio è un DONO da condividere con gli altri, parenti, amici e la comunità intera e non solo nel momento della celebrazione, ma anche in seguito.
Spesso lo si considera, invece, come un fatto personale da vivere in privato.
Ci sono sicuramente momenti in cui abbiamo bisogno degli altri ( amici, familiari, comunità) e ci devono essere anche momenti in cui due sposi e l'intera famiglia si aprono di loro spontanea volontà.
Dobbiamo sentire questo "respiro aperto" al mondo. D'altra parte il nostro amore rischia di rimanere presto soffocato, di rivelare insufficienze e crepe se non si apre in maniera equilibrata e sana alla comunità.
Si avverte oggi la tendenza quasi a nascondere agli altri la propria realtà di coppia e di famiglia o, comunque, a non darle più di tanto visibilità all'esterno.
L'essere PADRE e MADRE, ma soprattutto l'essere MARITO e MOGLIE, viene dopo, molto dopo, come se questi valori appartenessero ad un'esperienza che rimane relegata nel privato, estranea a tutto il resto attorno a cui ruota invece la vita.
Partendo dal presupposto che l'amore coniugale è "SEGNO" dell'Amore di Dio nel mondo, ci chiediamo quanto sia giusto nasconderlo, tenerlo e goderlo solo per noi stessi o invece diffonderlo, espanderlo in mezzo agli altri, tra gli amici, nell'ambiente di lavoro, nella realtà del nostro impegno sociale o di tempo libero.
Il sacramento del matrimonio inserisce tutti gli sposi nella ministerialità della Chiesa, cioè rende partecipi di un servizio, di una missione: quella di annunciare il Vangelo agli altri proprio attraverso il nostro amore coniugale ed il nostro impegno di testimonianza all'interno ed al di fuori della nostra famiglia.
Anche noi sposi siamo MISSIONARI: siamo evangelizzati e siamo chiamati ad evangelizzare. La coppia, la famiglia diventa così essa stessa una "piccola Chiesa domestica" che annuncia e vive sin dalla propria casa il Vangelo che salva, per irradiarlo poi agli altri. Il cammino dell'amore è difficile.
Ad amare si impara. In amore si è sempre apprendisti. Dio ha un progetto di vita e di felicità per l'uomo, ma la condizione per essere felici è imparare a volersi bene ed a fare della nostra vita un dono, una missione verso gli altri per diventare assieme, come coppia, come famiglia una Piccola Chiesa domestica.

Gruppo Coppie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.