Grazie per tutte le recite.
Grazie perché ci avete insegnato a giocare bene.
Grazie perché siete delle brave maestre.
Grazie per tutto quello che ci avete insegnato.
Grazie perché ci avete insegnato tante bellissime canzoni.
Grazie perché mi avete fatto fare il cameriere.
Grazie perché mi avete donato tanto amore.
Grazie perché ho giocato con tanti amici.
Grazie perché ho imparato tante cose nuove.
Grazie per tutto.

 

Sono solo alcune delle frasi pronunciate dai bambini delle Giraffe, i più grandi della nostra scuola dell’infanzia, in occasione della festa di fine anno e, in particolare, della cerimonia di “passaggio” verso la scuola primaria. Sono frasi molto semplici, che racchiudono i loro pensieri di bimbi e la loro voglia di imparare e di crescere, uniti alla consapevolezza, gioiosa e allo stesso tempo un po’ commossa (ma forse erano i genitori i più commossi!), di essere giunti alla conclusione di questo bellissimo percorso e di iniziare, a settembre, una nuova avventura. Alcuni gesti altrettanto significativi hanno accompagnato questi momenti di passaggio: la “vestizione” con la toga e il cappellino da “laureati”, il diploma, le fotografie, i palloncini gialli, rossi e blu, che hanno “spiccato il volo” verso il cielo. Il tutto si è inserito nella recita di fine anno, nella quale tutti i bambini della scuola ci hanno raccontato la storia di un piccolo seme, che con l’aiuto della pioggia, del vento, della gioia, dell’amore e della pace, diventa un grande albero, pronto a sua volta a “portare frutto”. Altri momenti importanti della giornata sono stati i ringraziamenti alle maestre, a Fabiola, Marilena, Serena e Anna, attraverso alcuni biglietti e alcuni doni, una parte dei quali - gli strumenti musicali che saranno utilizzati nelle attività didattiche - rimarrà alla scuola. La grande festa si è conclusa, come vuole la tradizione, con un rinfresco realizzato grazie all’organizzazione e alla collaborazione dei genitori, per continuare quello “stare insieme” con semplicità che i nostri bimbi hanno imparato a “gustare” a scuola e che, spesso, sono loro a trasmetterci ogni giorno.


Una mamma

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.