12_boll_dicembre_gennaio_2016_8.jpg

In questo Natale noi catechiste con i nostri ragazzi non apriremo solo regali ma apriremo anche i nostri cuori! APRI IL CUORE è lo slogan che abbiamo scelto per l’Avvento e con la Parola di Dio e la sua meditazione, l’impegno e la preghiera quotidiana ci prepareremo ad avere un cuore ATTENTO, IN ASCOLTO, APERTO, LIBERO, PREMUROSO, DISPONIBILE, BUONO, GENEROSO, GIOIOSO e MISERICORDIOSO per accogliere Gesù che nasce.

Nelle quattro domeniche d’Avvento, con l’animazione della messa, inviteremo anche tutta la nostra comunità ad avere un cuore aperto. Nella prima domenica con le parole di Maria: “Eccomi sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto”, cercheremo di avere un CUORE IN ASCOLTO impegnandoci a tenere un vangelo aperto, segno che porteremo anche all’altare, per leggerlo e per ascoltare quello che Dio ci vuole dire.
Nella seconda domenica Pietro chiede al Signore: “Quante volte dovrò perdonare al mio fratello, se pecca contro di me? Fino a sette volte?” e Gesù gli risponde: “Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette”, siamo invitati con il segno dell’abbraccio a scoprire quanto possa essere bello perdonare ed essere perdonati ed avere così un CUORE MISERICORDIOSO.
Nella terza domenica il brano del vangelo della vedova povera in cui Gesù osservando alcuni ricchi che gettavano le loro offerte con il loro superfluo e vedendo una donna povera che dava solo due spiccioli, tutto ciò che aveva, ci aiuta a riflettere su quanto sia difficile anche per noi toglierci qualcosa per darlo ad altri, e di quanto sia facile dare qualcosa di cui possiamo fare a meno. Questa settimana con il segno del salvadanaio ci impegneremo ad avere un CUORE GENEROSO.
Nella quarta domenica Marta e Maria, una tutta affaccendata e l’altra seduta ai piedi di Gesù che ascolta la sua parola, ci aiutano a porci delle domande per capire come rendere il nostro cuore libero: quante volte ci preoccupiamo di cose inutili? Quanto tempo perdiamo per cose che non sono importanti? Riusciamo a individuare a cosa dare tempo e importanza nella nostra vita? La risposta ce la dà Gesù: “Marta, Marta, tu ti preoccupi e ti agiti per molte cose, ma una sola è la cosa di cui c’è bisogno. Maria si è scelta la parte migliore, che non le sarà tolta.” E con il segno di un orologio senza lancette impegniamoci a dedicare esclusivamente del tempo a Gesù senza preoccuparci di tutto il resto. Avremo così un CUORE LIBERO. Buon Avvento a tutti!

Una catechista


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.