Le Marche sono state la destinazione scelta dal Clan Cavallo Pazzo del Gruppo Scout Cittadella 3 come luogo in cui svolgere la propria Route estiva. Il 24 agosto 2016 questa Regione è stata colpita dalla prima di numerose scosse che hanno fatto tremare, e ancora continuano a farlo, i territori tra le province di Macerata e di Fermo. Il terremoto ha sconvolto la vita di numerosissime persone che, nel giro di pochi istanti, si sono trovate nella condizione di dover abbandonare la propria casa e, spesso, la terra in cui hanno sempre abitato.

In questo contesto, la Route “Se la terra trema”, organizzata in adesione a un progetto promosso dall’AGESCI Marche e aperto agli Scout di tutta Italia, è stata l’occasione per riportare l’attenzione sulle conseguenze causate dal terremoto, vivendo in prima persona ciò che si è sempre conosciuto solo attraverso i media.
Il Clan ha percorso sentieri che si snodano all’interno del Parco dei Monti Sibillini e tra i paesi che lo circondano, non solo rendendosi conto dei danni che le scosse hanno provocato alle case e agli edifici pubblici, ma soprattutto incontrando persone che, nonostante abbiano perso tutto, cercano comunque di ripartire riscoprendo se stessi, la propria comunità di appartenenza e quei posti che non vogliono abbandonare perché rappresentano le loro radici. Ecco come i ragazzi, che hanno vissuto questa esperienza di Route insieme ad altri due gruppi scout, hanno descritto la loro esperienza: TERRA VIVA: SCUOTI LE TUE FONDAMENTA Avresti il coraggio di ricominciare da zero? Casa, calma, è ora di cena. “ Venite a tavola ”. Si ride e si scherza. Silenzio. Il tavolo trema. Boato. Stridii. “Scappa!”. Vai al sicuro, ma dove? Buio. Polvere. Pioggia.
Panico. Crolli e silenzio. Pioggia e lacrime.
Emozioni impresse nei volti delle persone che abbiamo incontrato, segnati dalle altre mille scosse che hanno toccato la comunità marchigiana, a partire da quei 142 infiniti secondi del 24 agosto 2016. Siamo partiti dalle nostre città per la Route “Se la terra trema“ con il desiderio di farci un’idea su quello che era successo, per conoscere una storia dalla voce dei suoi protagonisti, per non accontentarci di ciò che ci avevano detto televisione, internet e giornali. La visita alla zona rossa di Camerino è stata una fitta al cuore. In una città che una volta era piena di giovani chiassosi adesso rimbomba un assordante silenzio. Fra gli abitanti serpeggia lo sconforto perché, insieme alle case, sono crollati i legami della comunità. Molte persone hanno scelto o sono state costrette a trasferirsi sulla costa. Le loro case sono crollate, alcune persone no. Persone che combattono per rifondare la loro comunità e il loro territorio. “Il terremoto tira fuori il meglio e il peggio di voi”, ci ha ricordato suor Laura Cristina delle Clarisse di Camerino. Il meglio della gente lo abbiamo visto nelle azioni messe in campo da diversi cittadini di Camerino, Pievebovigliana, Villa di Montalto e Monastero. Il meglio di noi, invece, abbiamo provato a darlo non tanto in un servizio concreto in queste terre, quanto nell’ascolto silenzioso offerto a chi aveva bisogno di un incoraggiamento per ripartire. Come clan di formazione abbiamo concentrato il nostro raggio d’azione in Comuni poco popolati. Le principali difficoltà di chi abita quelle zone è la scarsa considerazione da parte delle istituzioni nazionali e la conseguente sensazione di isolamento. Quest’esperienza di Route ci ha dato modo di conoscere molti volti di una comunità forte e combattiva. Le persone incontrate hanno risposto alla nostra domanda iniziale: avere il coraggio di ricominciare da zero si può. I “terremoti”, sismici e dettati da difficoltà personali, incombono nella nostra vita, costringendoci a cambiarla radicalmente. Abbiamo però imparato che ciò non deve spaventarci, perché ogni obiettivo può essere raggiunto con la forza di volontà e l’aiuto reciproco.
Clan Cavallo Pazzo (Cittadella 3) Clan K2 (Palermo 15) Noviziato Sinfonia 148 (Piacenza 4)


Clan Cavallo Pazzo (Cittadella 3) Clan K2 (Palermo 15) Noviziato Sinfonia 148 (Piacenza 4)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.