La sicurezza passa attraverso le nostre scelte! Siamo sicuri di essere sempre noi dalla parte della ragione o iniziamo a pagare alcune decisioni di “difesa ad oltranza”?

Dal 1997 al 2006 l’aumento delle spese per gli eserciti è stato pari al 37%; nel solo 2006 la cifra spesa per gli armamenti ha raggiunto i 1204 miliardi di dollari:
sono cifre che l’agenzia di notizie religiose “Fides” del portale della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli preleva dal rapporto 2007 del Sipri, istituto svedese per il disarmo. Il documento “descriveva uno scenario inquietante – sottolinea Fides – relativamente alla dotazione di armi e alle cifre che vengono spese per armare gli eserciti ed alimentare le guerre che devastano il pianeta, producendo miseria, fame, macerie e disperazione”.
La classifica dei paesi responsabili si apre con gli Stati Uniti e l’Inghilterra, seguiti da Francia, Cina, Giappone, Germania, Russia, Italia e India.
“Secondo le stime internazionali – aggiunge Fides – se fossero investiti 57 miliardi di dollari in interventi medici di base si potrebbero salvare dalla morte certa otto milioni di vite l’anno; sempre secondo le stime, basterebbero 135 miliardi di dollari per raggiungere gli “Obiettivi del millennio”. . . Uccidono le armi e uccide anche la mancanza di cibo.
L’organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa di Alimentazione e Agricoltura (Fao) invita, nel suo ultimo rapporto, i paesi donatori e le istituzioni finanziarie internazionali, ad aumentare la loro assistenza ai paesi che soffrono la fame, per un ammontare compreso tra 1,2 ed 1,7 miliardi di dollari.
Un’inezia, rispetto alle cifre che gli Stati spendono per armarsi”.
Proprio oggi (25 Aprile), in un’intervista al canale tv France 24, il direttore generale della Fao Jacques Diouf, parlando dell’emergenza mondiale dovuta ai vertiginosi aumenti di presso degli alimentari, ha detto: « Non credo che ci saranno guerre tra paesi, ma all’interno di alcune nazioni, se non si adottano tutte le misure necessarie, c’é il rischio di scontri ».

"Per un pugno di dollari"


Cittadella ascolta


17 dicembre 201817 dicembre 2018

I sette peccati capitali della ricchezza

cottarelli

PROF. CARLO COTTARELLI, economista


Venerdì 25 gennaio 2019

La responsabilità delle élites

calenda

Dottor Carlo Calenda già  ministro dello sviluppo economico


Venerdì 1 febbraio 2019

Ricchezza e Disuguaglianza

padovan

PROF. PIER CARLO PADOAN già ministro dell’Economia e delle Finanze.


 Lunedì 4 marzo 2019

Da ricchezza che non sazia

bruni

PROF. LUIGINO BRUNI, Professore Ordinario in Economia Politica al Dipartimento di Giurisprudenza, Economia, Politica e Lingue Moderne dell’ Università Lumsa di Roma

locandina incontri fidanzati cittadella 2018

Assemblea diocesana 2018 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.