Contenti. Questo è il punto. Contento è solo chi si sente pieno, in armonia realizzato. I non credenti dovrebbero vederci sempre molto contenti.
Devono vederci come delle persone realizzate, armoniose. L’aspetto triste è perché non di rado abbiamo dato la sgradevole testimonianza di risultare delle persone “opache”, complicate o chiuse in sé, nei dolori e nelle nostre croci personali.
Il mondo ha bisogno di vederci contenti.
Questo non vuol dire che siamo gente senza problemi, con una vita comoda o senza preoccupazioni. Uno può arrivare al punto di essere contento pur in mezzo ai dolori e alle contraddizioni. È questione di un po’ di fede e di ferma volontà di ringraziare Dio in tutto.
È bene ricordare che una persona sana è una persona contenta, parlando dell’anima e di quella fisica.
Credo che tutti, chi più chi meno, abbiamo i nostri “acciacchi“, quindi mi interessa di più la salute dell’anima.
Sani di cuore, sani di mente, sani nello spirito, sani nelle idee, sani nei sentimenti, sani nei desideri. . . sana gente.
I non credente devono vedere in noi della gente con cui fa piacere parlare un momento, passare un po’ di tempo.
. . .Purtroppo, però dobbiamo constatare che spesso abbiamo visto tra i nostri gruppi d credenti, aderenti, devoti, frequentatori, persone pie, della gente che non mostra affatto d’essere gente sana e contenta.
Talvolta abbiamo trasformato i nostri luoghi di fede in un ricettacolo di gente malata nel cuore, convinta di star bene e che si protegge con lo scudo della fede per celare le sue tendenze egoiste, i propri interessi.
Spesso abbiamo trasformato i nostri gruppi di fede in tristi adunate di gente a cui importa ben poco la sanità dello spirito.
Insomma gente che non trasmette gioia né amabilità, né salute, chiarezza, apertura, semplicità, non verità né perdono, non carità, non generosità.
Credo che bisogna correggerci sullo spirito del Vangelo, trasformare il cuore e guardare con precisione alle cose che stiamo vivendo e ci siamo caricati sulle spalle.

"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.