Dal latino Re-Surgere, che significa ri-alzarsi, rimettersi in piedi, riprendere vita! È il verbo della Pasqua, è la parola che spiega che cosa è successo a Gesù‚ Cristo dopo la sua morte. L’hanno rivisto in piedi, vivo.
Credo che risorgere non sia solo la parola efficace che racchiude il mistero della vita dopo la morte, ma sia anche e soprattutto un atteggiamento, un modo di vivere da Cristiani. Gesù‚ non soltanto ci ha dimostrato
di essere più forte della morte, ma ci ha spiegato come dobbiamo vivere. Il cristiano è una persona che non si abbatte, che non si dispera, capace di guardare avanti, oltre la sofferenza o la malattia, addirittura anche oltre la morte.
In questo momento sto pensando alle votazioni politiche. Tutti guardiamo smarriti i programmi televisivi dove i candidati di ogni schieramento, promettono tutti le stesse cose, puntualmente disattese e l’uno con l’altro ci chiediamo chi dobbiamo votare sapendo bene che tanto “la minestra” non cambia.
Sto pensando a chi in silenzio sta stringendo la cinghia per pagare bollette e mutui, cercando di nascondere, finché sarà possibile, la realtà ai figli.
Sto pensando alla paura dello straniero che molte volte sento sulla bocca di tanti a Cittadella, paura della disintegrazione delle nostre radici culturali, rifiuto dell’integrazione con chi è diverso.
Sto pensando alle immondizie per le strade della Campania e la gente che urla la sua rabbia a politici e amministratori immobili e inermi.
C’è da piangere, proprio come le donne al sepolcro di Cristo. Occorre però, far tesoro delle parole che Gesù‚ risorto, disse a Maria Maddalena in lacrime: « Donna perché piangi? Chi cerchi? » (Giovanni 20,13-15).
Speriamo di non fare lo stesso errore di chi piange proprio di fronte alla persona che credeva perduta per sempre o ad un problema che sembra irrisolvibile. Speriamo di avere sempre la speranza di chi sa rimettersi in piedi dopo ogni caduta, il coraggio di risorgere.

Auguri. Buona Pasqua.



don Matteo
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.