In tutte le parrocchie il mese di Maggio coincide con la recita del rosario in chiesa,nei capitelli o in casa. È una tradizione che si perde nel tempo e coincide con le abitudini e le tradizioni dei nostri paesi. L ’amore e la devozione per Maria è un sentimento profondo come l ’affetto e la devozione nascosta,che un figlio ha per la madre,una figlia per il padre.
È un cercare aiuto quando ne hai bisogno,da chi sicuramente ti ascolta e non ti abbandona e non ti abbandonerà mai,da chi ti vuole bene sempre nonostante i tuoi difetti i tuoi errori.
Maria è la madre di Cristo,ma è anche la Madre che Cristo ci ha regalato dalla croce,ed è la Madre che tutti speriamo di avere.
Tanti secoli fa qualcuno ha legato con un unico filo 50 di quelle preghiere semplici,che tutti conoscono,e un po ’ più tardi qualche bravo teologo ha unito a queste 50 “ave maria ”,i misteri della vita di Gesù,rendendo ancor più interessante e affascinante la preghiera del Rosario. Recitare il rosario significa mettersi alla scuola di Maria ed apprendere da lei Madre e Discepola di Cristo,come vivere in profondità e in pienezza le esigenze della fede cristiana.
Lei fu la prima credente,la prima che fece vita ecclesiale. Lei nel Cenacolo, fu centro di unità e di carità tra i primi discepoli di suo figlio.
Nella recita del santo rosario,non si tratta di ripetere delle formule,quanto piuttosto di entrare in colloquio confidenziale con Maria,di parlarle di confidarle le pene,di aprirle il cuore,di dichiararle la propria disponibilità ad accettare i disegni di Dio,di prometterle fedeltà in ogni circostanza,soprattutto in quelle difficili e dolorose,sicuri della sua protezione e convinti che lei ci otterrà tutte le grazie necessarie.
Con la delicata e profonda confidenza di chi si sente Figlio, con il Rosario preghiamo Maria...come un figlio in braccio alla mamma.


don Matteo

"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.