Non c'è Settimana Santa se noi non celebriamo e viviamo gli avvenimenti di questi giorni. In questi giorni infatti ricordiamo i "avvenimenti" eccezionali. Sono passati due secoli, ma ogni anno, e ogni giorno noi viviamo l'e-sperienza della presenza del Figlio di Dio che "senza dimenticare che era il Figlio di Dio si mise "con tutta la forza del suo amore e il coraggio del suo Cuore" a servizio della sua creatura. Dio Lui è scritto "il Figlio dell'uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti". (Mt. 20,28)
Forse ci meraviglia che dica: "per molti" ! Perché non dice "per tutti" ?
Gesù vorrebbe che "tutti" accogliessero il suo messaggio e il suo invito!
Invece

molti sentono il messaggio ma non accolgono l'invito. Proprio per questo dovremmo ricordarci che Gesù, in un momento così importante come quando stava per offrirsi all'umanità sulla Croce.
Gesù disse molti perché, purtroppo, era consapevole che neppure un dono come "il sacrificio sulla Croce" è sufficiente per farci comprendere la Verità di quelle che Cristo voleva dirci.
Non disse infatti, amo quelli che mi obbediscono, ma perdono a coloro che mi hanno crocifisso, perché non sanno vedere la mia sincerità e quanto ho fatto perché anche il Mio Padre del Cielo vi perdoni.
Immaginiamo la scena di quando Gesù si presentò nel Cenacolo la sera i stessa del Giorno di Pasqua. Discepoli erano in attesa di Gesù perché le donne avevano visto Gesù Vivo e Pietro e Giovanni avevano anche visto il sepolcro vuoto e la Sindone nella quale era stato avvolto.
Ma quando appare sono spaventati: non solo perché era entrato attraverso i muri, ma perché forse immaginavano un "sonoro rimprovero" !
Invece sentono le parole Pace a Voi E poi soggiunge: ricevete lo Spirito Santo, a chi rimetterete i peccati saranno rimessi...!
Allora capiscono: è proprio quel Gesù che conosciamo:! Sempre buono e comprensivo. Capace di rimpòroverarci e pronto a perdonare .. Anzi ci dà il potere di Perdonare a suo nome!
Dunque Gesù realizza proprio quello che aveva detto dalla Croce: «Padre perdonali, perché non sanno quelle che fanno".
Forse solo Giovanni fra i presenti aveva sentito queste parole e forse proprio Lui le aveva ripetute a i discepoli.
Quindi in quel momento hanno capito che Gesù oltre al perdono, aveva affidato proprio a loro la missione più grande: annunciare al mondo intero il perdono e la salvezza!

PREPARIAMOCI A INCONTARE IL CRISTO RISORTO


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.