Qual è l’opera dell’uomo, che più piace a Dio?
Ce lo dice Gesù stesso, come riferisce l’evangelista Giovanni nel capitolo 6 del suo Vangelo.
Alla domanda: Cosa dobbiamo fare per compiere le opere di Dio? Gesù rispose: “Questa è l’opera di Dio: Credere in Colui che ha mandato”. Che significa credere in Gesù? E’ credere alla sua Parola, ai segni che Egli ci ha lasciato: cioè i Sacramenti, la Chiesa, l’opera della Chiesa nei secoli.
Questa espressione di Gesù: Credere in Colui che ha mandato, dobbiamo ricordarlo bene, è detta in riferimento all’Eucaristia.
Nella Lectio Divina di lunedì scorso, che concluse il cammino di quest’anno, ho voluto proporre proprio il brano del capitolo VI di Giovanni, che contiene questa frase e che può diventare veramente una chiave per capire l’Eucaristia.
Tutte le questioni scientifiche riguardanti l’Eucaristia, si scontrano con il Mistero.
Se quelle particole non sono il Corpo e Sangue di Cristo, come si spiega il Miracolo di Lanciano, di Siena, di Bolsena e tanti altri?
Se la particola consacrata non è il Corpo e Sangue di Cristo, come si spiega il fatto che alcune persone hanno vissuto per anni senza prendere null’altro che la Particola?
E se la particola non manifesta all’analisi scientifica nessuna differenza, né il colore, né il sapore, né la struttura chimica della sostanza pane o vino ?
Di fronte a questi paradossi scientifici, di fronte a questi fenomeni che mettono in crisi la scienza. Infatti la scienza vorrebbe comprendere il Mistero: ma il mistero non è analizzabile con i metodi scientifici.
Se la Fede rifiutasse di accogliere il Mistero, se noi rifiutassimo di inchinarci di fronte alla infinita potenza e sapienza di Dio, non potremmo nemmeno capire che di Dio che cerca in tutti i modi di parlare all’uomo attraverso un linguaggio accessibile all’uomo, alla sua razionalità: comunque diciamo accessibile e non di più!
Per questo Gesù dice: l’opera grande che Dio desidera è questa: credere in Colui che Egli ha mandato. Cioè credere in Gesù e in quello che Gesù dice e in quello che Egli fa.
Cosa dice Gesù ?
Io ho un pane da offrirvi, un pane che viene dal cielo, un pane che sazia per la vita eterna.
E cosa fa per convincerci di quello che dice?
Dà da mangiare a 5.000 uomini, senza contare le donne e i bambini. Cammina sulle acque, comanda al vento e alle acque del lago.
Allora uno potrebbe domandarsi: che c’entra tutto questo con l’Eucaristia?
Ma se solo la potenza di Dio può moltiplicare il pane e il pesce in pochi minuti, se solo Dio può con una parola o con un gesto della mano imporre un freno al vento e un limite alle onde dell’acqua in modo istantaneo, allora Colui che promette e dona un pane di Vita, una Carne che sia Cibo e un vino che sia bevanda di Salvezza, diventa credibile. Infatti diciamo: Credo nell’Eucaristia perché lo dice Cristo che è il Figlio di Dio.

"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.