L’abito non fa il monaco … lo conosciamo tutti questo proverbio!
L’abito però può esprimere qualcosa: l’atteggiamento, gli umori, le intenzioni, le emozioni … infatti sappiamo, quando possiamo, scegliere l’abito  adatto alla circostanza dell’incontro o della cerimonia.L’uso di abiti speciali nella liturgia per il sacerdote celebrante e di abiti convenienti per i fedeli esprime l’attenzione e il rispetto e l’emozione del momento.


L’uso di abiti preziosi per la liturgia, potrebbe sembrare uno spreco. Ma tutte le religioni conservano l’uso di “abiti da cerimonia”. Quando ci si presenta davanti a  Dio anche l’abito può essere indicativo del nostro modo di esprimere il rispetto verso la grandezza di Dio. Non Vogliamo concorrere con la sua magnificenza, ma solo esprimere rispetto!
La parabola fermando l’attenzione sull’invitato senza abito di nozze, senza l’abito di cerimonia, ci dice che per essere accolti nella sala delle nozze  - cioè nella casa della vita eterna  - dobbiamo presentarci con l’atteggiamento e i sentimenti adatti al momento.
S. Paolo ci invita a rivestirci non di un abito da cerimonia, ma di Cristo stesso. Sarebbe la risposta al pensiero: Dio ci ha creato a sua immagine; Cristo ci ha portato il modo di realizzare, non solo l’immagine di Dio creatore, ma anche l’immagine di Dio Amico dell’uomo, capace di esprimere l’abito della giustizia, della lealtà, della solidarietà, della condivisione, della pace, dell’amore. Perciò S. Paolo ci dice: Rivestitevi di Cristo.  Ascoltiamo proprio le  parole con le quali si rivolge ai Colossesi: “Rivestitevi dunque, come amati di Dio, santi e diletti, di sentimenti di misericordia, di bontà, di umiltà, di mansuetudine, di pazienza; sopportandovi a vicenda e perdonandovi scambievolmente, se qualcuno abbia di che lamentarsi nei riguardi degli altri. Come il Signore vi ha perdonato, così fate anche voi.[Col. 3,12-13].
La severità del re della Parabola ci turba. Infatti il re si infuria contro i primi invitati perché hanno rifiutato e reagito con arroganza. Altrettanto siamo portati a dire per la reazione del re contro l’uomo senza abito nuziale.
Allora quale potrebbe essere il significato della parabola?  Si potrebbero fare diverse ipotesi. Egli chiedeva:
Il rispetto verso l’invito del re: non chiese nulla di più che la condivisione della sua gioia con le persone della sua comunità  
Dio non ci costringe ad accogliere il suo progetto, ma non ci concede neppure di accedere alla gioia e ai vantaggi di un progetto rifiutato. Il non partecipare alla celebrazione Eucaristica, che  non è un hobby ma un dono, un privilegio, ci priva della benevolenza di Dio. Allora la parabola significa che il rifiuto di partecipare alla Celebrazione comporta la perdita dei doni connessi: il dono della Parola e il dono del Pane. Si capiscono allora anche le parole di Cristo che dicono: chi non mangia di questo pane, non avrà la vita eterna!
Potremmo  anche aggiungere che l’invito al banchetto di nozze potrebbe alludere all’invito a partecipare a tutte le celebrazioni della Chiesa. Ma a queste celebrazioni si partecipa in modo conveniente? Può essere l’abito, può essere il silenzio e l’attenzione, potrebbe essere l’obbedienza alle regole, come la fedeltà al matrimonio, il rispetto della giustizia, l’atteggiamento caritatevole verso le persone.
In altre parole il vestito potrebbe essere un segno della veste spirituale, della coscienza, dell’anima.
Il rispetto del re potrebbe alludere alla vita eterna.
Chi garantisce che la vita eterna sia veramente nella pace, se chi entra non ha accolto l’invito alla pace, al rispetto, alla condivisione di tutto il progetto?
Perciò se la comunità Chiesa, non rimane la scuola della verità, della giustizia, del rispetto, potrà essere la palestra per ricevere l’abilitazione  a vivere nella casa di Dio?


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.