Fedeli carissimi, avrà inizio fra pochi giorni il “tempo di Quaresima”, durante il quale la Parola di Dio si rivolgerà a noi con forza ed insistenza attraverso l’invito del profeta: « Ritornate al Signore vostro Dio, egli è buono e misericordioso » (Gl. 2,12).

Accogliere questo appello al ritorno a Dio (conversione) comporta mettersi in cammino, inoltrarsi nel deserto (il silenzio!) e confrontarsi con se stessi, con la propria coscienza, con i propri limiti e peccati, confrontarsi con la Parola che salva.


Cerchiamo di essere leali almeno con noi stessi. Dobbiamo riscoprire quanto la nostra vita abbia bisogno di silenzio e di riflessione. È una necessità che si fa sempre più pressante nella società odierna che ci assedia con il clamore assordante di mille voci e mille vane proposte.

Per poter risuonare ed essere accolta e compresa, la Parola di Dio ha bisogno di silenzio. Solo riacquistando spazi di riflessione, sarà possibile rinnovare la nostra capacità di ascolto e quindi di dialogo con Dio (preghiera).

La Quaresima ci chiede dunque più generosità per l’incontro con la Parola di Dio e maggiore disponibilità alla preghiera.

È Gesù stesso a mostrarci che il tempo del “deserto” è il tempo della scoperta della Parola di Dio, la cui forza ci rende capaci di superare le tentazioni dell’avere, del potere, della falsa religiosità (Lc. 4,1-13). La Parola del Signore che ascolteremo ogni domenica ci chiederà un concreto impegno di confronto che comporterà decisioni personali immediate e scelte di vita più coerenti con la nostra fede.

Son queste le brevi considerazioni che mi sento di proporvi, per aiutarvi a vivere con impegno questo speciale periodo dell’anno liturgico che è la Quaresima. « Ecco ora il momento favorevole, ecco ora il giorno della salvezza », ci ricorda l’apostolo Paolo.

Invochiamo lo Spirito del Signore perché ciascuno di noi sappia vivere bene il tempo quaresimale, per giungere veramente rinnovati a celebrare la Pasqua con Cristo risorto.

don Luciano


"Per un pugno di dollari"


Cittadella ascolta


17 dicembre 201817 dicembre 2018

I sette peccati capitali della ricchezza

cottarelli

PROF. CARLO COTTARELLI, economista


Venerdì 25 gennaio 2019

La responsabilità delle élites

calenda

Dottor Carlo Calenda già  ministro dello sviluppo economico


Venerdì 1 febbraio 2019

Ricchezza e Disuguaglianza

padovan

PROF. PIER CARLO PADOAN già ministro dell’Economia e delle Finanze.


 Lunedì 4 marzo 2019

Da ricchezza che non sazia

bruni

PROF. LUIGINO BRUNI, Professore Ordinario in Economia Politica al Dipartimento di Giurisprudenza, Economia, Politica e Lingue Moderne dell’ Università Lumsa di Roma

locandina incontri fidanzati cittadella 2018

Assemblea diocesana 2018 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.