La tradizione popolare cristiana dedica il mese di maggio in modo speciale alla devozione a Maria. MARIA è un nome molto particolare che ci richiama una donna non comune: la madre del Messia, di Gesù di Nazareth. La liturgia ricorda spesso questo nome, quasi a volerlo scolpire in modo indelebile nel cuore di ogni cristiano. Siamo invitati a rivolgerci a lei, a supplicarla, a onorarla, a venerarla perché, come Gesù ha detto dall'alto della croce, lei è anche madre nostra.
Maria appare come colei che è in grado di illuminare e sostenere, nella vita di ciascuno di noi, il cammino che conduce a Gesù Cristo e alla salvezza eterna. Richiamare il nome di Maria significa illuminare di speranza e di consolazione il cuore dell'uomo, così spesso provato da dubbi e da sofferenze, mentre percorre il quotidiano cammino della vita.
Sforziamoci allora di comprendere la sua grandezza ricercando il suo volto umano e materno, unitamente al suo ruolo unico nella storia della salvezza, rifuggendo dal rischio di trasformare la Vergine di Nazareth in una figura astratta, angelica, senza l'aspetto di una persona reale.
Il Vangelo ce la presenta come una donna umile e povera, nel costante atteggiamento di totale adesione alla volontà divina, senza condizioni, con una fede e un'obbedienza eroiche, con un abbandono d'amore totale e responsabile. Maria è una donna pienamente umana, ma amorosamente spalancata alla grazia e alla volontà di Dio.
L'atteggiamento di Maria richiama anche noi a una maggiore fedeltà agli impegni del nostro battesimo che devono orientare tutta la nostra vita di cristiani, e ci esorta a porre Gesù Cristo al centro della nostra vita, per non fallire il destino eterno per il quale siamo stati creati e che dà pieno valore e significato alla nostra vita terrena.
Maria con il suo esempio sia nostro modello e con la sua intercessione nostro aiuto; la Vergine santa protegga la nostra Comunità parrocchiale e ciascuna delle nostre famiglie e ci aiuti a vivere da veri discepoli del suo figlio Gesù.

Don Luciano


"Per un pugno di dollari"


Cittadella ascolta


17 dicembre 201817 dicembre 2018

I sette peccati capitali della ricchezza

cottarelli

PROF. CARLO COTTARELLI, economista


Venerdì 25 gennaio 2019

La responsabilità delle élites

calenda

Dottor Carlo Calenda già  ministro dello sviluppo economico


Venerdì 1 febbraio 2019

Ricchezza e Disuguaglianza

padovan

PROF. PIER CARLO PADOAN già ministro dell’Economia e delle Finanze.


 Lunedì 4 marzo 2019

Da ricchezza che non sazia

bruni

PROF. LUIGINO BRUNI, Professore Ordinario in Economia Politica al Dipartimento di Giurisprudenza, Economia, Politica e Lingue Moderne dell’ Università Lumsa di Roma

locandina incontri fidanzati cittadella 2018

Assemblea diocesana 2018 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.