Data la gravità dell'ora, la Chiesa fa appello alla responsabilità della società nelle sue diverse articolazioni, perché prevalga il bene generale su qualunque altro interesse.
La vita della gente è in grave affanno e sente che il momento è decisivo: dalla sua soluzione dipende la stessa tenuta sociale.
E' l'ora di una solidarietà lungimirante, della concentrazione assoluta sui problemi prioritari dell'economia e del lavoro, delle procedure partecipative ed elettive, di una lotta penetrante e inesorabile alla corruzione.
Quando, per interessi economici, sull'uomo prevale il profitto, oppure, per ricerca di consenso, prevalgono visioni utilitaristiche, le conseguenze sono nefaste e la società si sfalda.
Dispiace molto che stia emergendo un reticolo di corruttele, scandali, immoralità e malaffare. E' motivo di rafforzata indignazione, che la classe politica continua a sottovalutare; è motivo di disagio e di rabbia per gli onesti.
Possibile che l'arruolamento nelle file della politica sia ormai così degradato? Si parla di austerità e di tagli, eppure continuamente si scopre che ovunque si annidano cespiti di spesa assurdi e incontrollati.
E' necessario tenere saldo il legame con quei valori che fanno parte della nostra storia e ne costituiscono il tessuto profondo. La politica, come dedizione fino al sacrificio per il bene comune, richiede non solo buona volontà, ma capacità di visione, competenza e quella coerenza personale che rende presentabili agli occhi della Nazione e del mondo. Utilmente risuona il monito della Sapienza, secondo cui "il giudizio è severo contro quelli che stanno in alto" (SAP. 6,5).
Si pensi all'Italia che non può essere bloccata, che deve andare avanti e consolidare senza incertezze il proprio posto d'onore dinanzi al mondo, figurando tra le nazioni che contano, grazie alle potenzialità e all'esperienza.
Card. Angelo Bagnasco

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.