Rivediamo il nostro carissimo p. Bruno all’altare della nostra chiesa e ci sembra di rivivere ancora uno dei tanti “arrivederci” che ci scambiavamo quando ripartiva per l’Africa. Tolto dagli occhi ma non dal cuore, egli è stato per noi una figura carismatica del mondo missionario.
La missione è ovunque, ma quando si vive quella fra gli ultimi, nelle periferie esistenziali e geografiche, è una ricchezza inestimabile per chi la vive e per chi la riceve. Per questo chiediamo al Signore che l’eredità di p. Bruno venga portata avanti da altri che, come lui, sappiano fare nella loro vita scelte coraggiose e radicali.

Rivediamo p. Bruno davanti al tabernacolo: era uomo di profonda preghiera. Il suo sostare per ore davanti al Signore vivo e vero, era segno visibile della sua familiarità con Dio e della sua fede nella forza della preghiera, innalzata al Signore come una supplica rivolta ad un amico. Il Signore doni sempre alla sua Chiesa sacerdoti come p. Bruno, preti innamorati di Dio, plasmati su di Lui e ricolmi del suo Spirito.
Rivediamo p. Bruno all’ambone della nostra chiesa che proclama la Parola di Dio, aiutandoci a calarla e concretizzarla nel nostro quotidiano, nei nostri giorni. Egli parlava e noi ci sentivamo interpellati dalla sua fedeltà e coerenza di vita al Vangelo. Il suo esempio ci aiuti ad essere cristiani sempre migliori nel testimoniare l’amore, perché cerchiamo di più “le cose di lassù”, guardando di più al cielo che ci aiuta a trovare il cammino giusto qui sulla terra.
Rivediamo p. Bruno che pedala in sella alla sua bicicletta, percorrendo le vie della nostra parrocchia, per andare a far visita a qualche famiglia, pronto a raccogliere confidenze e confortare pianti, disponibile a rispondere con una parola semplice per aiutare a crescere nella fede e affrontare la vita. Parole paterne e incoraggianti le sue, che recavano sempre conforto e facevano sentire, con il sorriso e la tenerezza, la presenza di un legame schietto e sincero. Assicurava sempre il ricordo nella preghiera a tutti.
Rivediamo p. Bruno tra i tavoli della festa della nostra Comunità e venire a gustare una fettina di dolce preparato dalle nostre mamme. Sapeva che ad ogni fettina di dolce corrispondeva una goccia di amore per il suo Cameroun. Non chiedeva mai nulla per sé, accettava solo aiuti per la sua missione. Con la sua vita evangelicamente vissuta si è donato tutto agli altri, vicini e lontani, e ha edificato anche noi nella carità, aiutandoci a guardare con gli occhi di Cristo oltre il nostro recinto, condividendo sempre quel che abbiamo co chi è più povero di noi. Ora il Signore lo ha chiamato e non lo ha inviato questa volta in un’altra missione, ma gli ha chiesto di andare da Lui per sempre. Ora p. Bruno appartiene a quella gente tanto amata, a quella terra dove, sempre riconoscenti e grati, gli auguriamo di riposare in pace. Ora che ha incontrato il Signore “faccia a Faccia” e lo sta vedendo “così come Egli è”, gli chiediamo di intercedere anche per tutti noi.
Arrivederci p. Bruno.
Gianna Rosso

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.