Quello di Avvento è un tempo liturgico fatto apposta per ridestare atteggiamenti di vigilanza e di attesa. Smarriti e disorientati, rischiano spesso di perdere il senso e la direzione del nostro cammino e diventiamo facili prede del nervosismo e dello scoraggiamento.

Viviamo alla giornata, senza un orizzonte. La venuta del Figlio di Dio nella carne è – e deve essere – alla radice della nostra speranza. In lui Dio ha detto il suo sì alla storia degli esseri umani.

Risorto da morte, Gesù è vivo e presente in mezzo a noi. La celebrazione del sacramento della riconciliazione è un momento importante per accogliere il perdono che egli dona a chi riconosce con sincerità i propri peccati. È questa misericordia che risana le ferite profonde dell’anima e ci permette di vivere con rinnovato impegno, con slancio nuovo la proposta dell’Avvento.

Questa proposta di esame di coscienza aiuta a percorrere la propria esistenza e a rilevare con semplicità e schiettezza ciò che ferisce e rovina il nostro rapporto con Dio, con noi stessi, con gli altri.

Il cuore

  • quando non trovo mai il tempo per pregare o per ascoltare la parola di Gesù; – quando accampo mille scuse per non partecipare alla messa della domenica;
  • quando, in diverse situazioni, capisco bene quello che mi chiede il vangelo, ma penso solo al mio interesse, alla mia comodità o al mio orgoglio;
  • quando coltivo il rancore, l’astio, il desiderio di vendetta e non sono pronto a fare il primo passo per una riconciliazione;
  • quando non mantengo una parola data, un impegno preso, una responsabilità assunta;
  • quando mostro sospetto, pregiudizio, ostilità o rifiuto nei confronti degli estranei e degli stranieri;
  • quando non svolgo il mio lavoro con impegno e competenza;
  • quando non sono sincero e alimento la maldicenza e la calunnia, denigrando il mio prossimo;
  • quando assecondo affetti sregolati, passioni immorali e non adempio il comandamento di Dio che chiede il rispetto delle persone, del mio corpo e di quello altrui;
  • quando non rispetto la fedeltà promessa al mio coniuge.

Le mani

  • quando mi ripiego sulle mie ricchezze materiali e non sono disposto a condividerle con chi ha bisogno di aiuto;
  • quando pretendo invece di dare, rifiuto invece di accogliere, creo astio e non comprensione;
  • quando sottraggo il dovuto ai fratelli, quando non onoro il mio dovere di cittadino pagando i tributi dovuti allo Stato;
  • quando non rispetto i diritti degli altri: di coloro che dipendono da me, dei miei colleghi, dei miei vicini di casa, dei miei familiari;
  • quando sfrutto il mio prossimo e approfitto della sua debolezza, della sua fiducia;
  • quando non faccio attenzione alla mia e all’altrui incolumità, non rispettando il codice della strada o qualsiasi norma di sicurezza;
  • quando cedo all’alcool o ad un uso smodato del cibo.

I piedi

  • quando non mi impegno alla partecipazione, in spirito di corresponsabilità, nei confronti del mondo della scuola, del lavoro, nel quartiere, nel condominio;
  • quando evito di capire ciò che sta succedendo nel mio mondo e oltre le quattro mura di casa;
  • quando mi preoccupo solamente di difendere la mia tranquillità invece di andare incontro a chi ha bisogno di me e attende il mio aiuto;
  • quando non partecipo alla vita e alle iniziative della comunità chiudendomi in me stesso per pigrizia;
  • quando rinuncio al mio ruolo di testimone di Cristo e del suo vangelo.

Lo spirito

  • quando non cerco i mezzi e gli strumenti per alimentare e approfondire la mia fede;
  • quando rimango impermeabile agli inviti alla conversione e mi ritengo sempre e comunque nel giusto;
  • quando vivo in modo superficiale, con indifferenza e qualunquismo, e prendo scelte importanti senza un’adeguata riflessione.


O Dio, che ti accingi a visitare la nostra terra nella persona del tuo Figlio, ci rinnovi con il sacramento del perdono. Ora innalziamo a te la nostra supplica: rendici acuti e saggi, perché possiamo discernere quello che tu aspetti da noi e sappiamo riconoscerti quando vieni a visitarci nella persona dei poveri, dei pellegrini e degli stranieri.

A te ci rivolgiamo con fiducia per saper accoglierti per Natale.

don Domenico Frison

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.