La Pasqua, la massima solennità cristiana che, tra l'altro, segna annualmente la fine della stagione invernale e l'inizio della stagione primaverile, è il punto discriminante della storia della salvezza.
Con la Pasqua di Cristo ha fine il dominio del male, del peccato e della morte e inizia l'era ultima della redenzione, della riconciliazione e della vita.
La celebrazione dei sacramenti, in particolare quelli della Iniziazione cristiana, Battesimo, Cresima ed Eucaristia, è l'introduzione fondamentale dell'essere umano nella vita nuova di Cristo.
È il passaggio da una condizione disonorevole alla piena dignità di figli di Dio. La vita sacramentale dei credenti è contemporaneamente la fine della brutta stagione passeggera e l'ingresso nella buona stagione: quella eterna.
Si potrebbe pensare che tutto ciò sia un passaggio automatico, prevedibile, normale, come avviene in natura, con l'avvicendamento delle stagioni. In realtà la Pasqua è stata un avvenimento la cui manifestazione era imprevedibile, anche se lungamente promessa, frutto della piena libertà del Padre, che in Cristo ha manifestato il suo amore.
Da quella lontana primavera di duemila anni fa, i credenti in Cristo si sforzano di prendere coscienza della grandezza e del valore di una così sconvolgente opera. Grandezza e valore inestimabili che tuttavia rischiano di essere collocati dall'uomo contemporaneo sullo stesso piano di altre verità ordinarie, seppure con tutto il rispetto dovuto.
Il mistero della morte e risurrezione di Cristo però è attivo e operante con una dirompente forza propria, divina. Infatti non c'è nulla che possa compromettere il suo progetto: magari rallentarlo, ma non impedirlo.
La coscienza o consapevolezza umane, alimentate dalla adesione di fede, e la grazia dei segni sacramentali, consentono al mistero pasquale di fiorire nel genere umano e di sanare quella radice malata e corrotta che aveva condotto l'umanità al baratro.
La Pasqua è definibile come la risposta di Dio alla ricerca di speranza e fiducia presenti da sempre nella persona umana.
All'uomo di fede la luce pasquale illumina gli occhi sul significato della sua esistenza: vivere eternamente beato accanto al suo Padre creatore e a Cristo salvatore.
Prima e dopo, fine e inizio hanno al centro Gesù risorto: colui che apparentemente era solo un uomo comune, uno scomodo maestro, colpito dalla condanna solitamente riservata ai peggiori assassini. Non togliere la vita alle persone colui che l'ha creata e la offre a tutti. In lui è la vita perché lui è la vita.
Nell'imminenza della Pasqua 2015 è spontaneo, anzi necessario, chiedere al Dio della vita di dare luce pasquale a quella parte di umanità che è ancora immersa nelle tenebre dell'odio, della violenza, della vendetta, del ricatto, dello sfruttamento, della menzogna, della corruzione.
Sorga ancora e sempre il sole nuovo, il sole da oriente, il sole della eterna giovinezza: porti con sé la fine e l'inizio ultimi.
L'umanità non ha la forza di rimuovere la pietra che essa stessa ha fabbricata, cercando di impedire il tuo ritorno. Manda il tuo angelo, o Signore, e fa che la nostra notte si illumini come il giorno. (Pio XII, Messaggio Urbi et Orbi, Pasqua 1957).


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.