Ogni giorno arriva nelle nostre case tanta carta stampata: la pubblicità la  buttiamo via; le pubblicazioni non richieste, dopo una sbirciatina, le accantoniamo  con noncuranza; le grandi riviste le sfogliamo con attenzione, cercando  qualcosa di accessibile ed utile; le rivistine locali ne leggiamo i titoli,  andando subito alle foto dell’ultima pagina.
Di solito i bollettini sono pieni di indicazioni, di orari, di funzioni, di piccole  cronache. Spesso siamo insofferenti che ci venga detto quel che già sappiamo  e così preferiamo chiuderci nel nostro piccolo mondo che ci rende incapaci  di allargar i nostri orizzonti, di sentire il bisogno di fare i conti con il  pensiero e l’esperienza altrui. Ci si muove in superficie, senza dar sostanza  al dramma morale vissuto, senza dimensione e profondità.
« Si scrive molto, ma spesso sono parole che ti conducono in giro e ti  ubriacano senza lasciare un segno che sia fatto di cose vere, parole piccole  che possono far pensare. E così la mente si inzeppa di immagini che lasciano  il tempo che trovano, di suoni che tolgono la voglia di gustare un’armonia  di sensazioni che ti lasciano vuoto e annoiato. Pensare, in questi tempi,  costa spesso fatica, ma senza il pensiero lo spirito non regge e l’uomo non  acquista coscienza di sé e del mondo in cui vive: cammina nella nebbia! ».
In certe situazioni veniamo sollecitati a riflettere e a confrontare i nostri  pensieri con quelli degli altri, ma il più delle volte la fatica fatta per pensare  distrugge quel po’ di valore che si era intravisto; per cui se non si mette attenzione,  difficilmente si “pensa”. Per questa ragione è importante scuotere  le menti e sollecitare il cervello in modo che non s’acquieti e si metta completamente  a riposo, così non ci s’accontenta di piccole sensazioni che assomigliano  ai fuochi d’artificio che regalano solo una luce effimera.
L’esistenza umana sta in piedi e diventa vera vita se si pensa o ci si sforza  di pensare. Ci sono tante brave persone che hanno il potenziale di pensare,  ma tutto poi svanisce perché non hanno l’accortezza di scrivere quel  che passa per la mente: i pensieri se ne vanno e la testa rimane vuota. Diventa  un segreto di vita scrivere quel che si pensa, ma usando sempre quel  tatto e quella prudenza che aiuta a riflettere senza però offendere. Forse  può sembrare un ragionamento un po’ complicato, ma non proprio fuori  tempo.
Allora tanti auguri di una buona quaresima di riflessione e conversione. . .
a tutti!    don Domenico Frison   


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.