Quali sono le condizioni perché il "credente" che "diventa prete" sia un autentico uomo della gioia cristiana? Il senso ecclesiale, cioè la capacità d'inserirsi nel cammino di Chiesa, con un attitudine all'ascolto e alla convergenza comune.
La capacità relazionale, cioè l'attitudine ad entrare veramente nel cuore delle persone, dei loro problemi, del loro cammino.
L'attitudine sintetica, cioè lo sforzo di guardare la pastorale con uno sguardo d'insieme, di non lasciarsi trascinare dalle mille cose, senza progettare, senza la pacatezza di pregare, pensare, studiare, formarsi, coltivare le amicizie, affinché il prete non sia travolto da un lavoro stressante, senza meta, che rincorre le situazioni.
Tutto ciò non sarà possibile se il presbitero non diventerà anche un fratello nell'umanità, cioè una persona che non teme di portare la fatica di vivere, che impara dalle famiglie, che non si fa scudo del proprio ministero per coprire la proprie debolezze o aggressività.
L'umanità del prete, soprattutto quando è nel suo ruolo, sembra oscurarsi, mettendo in mostra le due immagini più diffuse: chi censura i propri sentimenti ed emozioni, pagandoli al prezzo della durezza e dell'insensibilità; chi invece li ostenta facendo diventare il ministero il racconto della propria biografia emotiva, spesso neppure molto originale.
Tra i due estremi del ruolo officiale e dell'interminabile adolescenza, l'"essere prete" potrà frasi strada come uomo riconciliato, cioè uomo di relazioni forti e tenere, di gratitudine sincera, di amicizie profonde, di attenzione premurosa, di umorismo con se stesso e di dedizione sincera.
Per essere così, non potrà che aver cura di sé, dovrà prendersi a cuore la preghiera, il riposo, la lettura, la distensione, il viaggio, la salute, la casa, con sobrietà e dignità, cioè tutti quei momenti di cui vivono gli uomini e le donne di oggi.
Lo stile esistenziale non sottrae il prete dall'essere un credente che vive in semplicità la vita del Vangelo, che mostra di essere un credente con la sua storia, le sue radici, la sua famiglia di origine. Persino con le sue ferite, le sue difficoltà di carattere, di umanità, i suoi sbagli e, talvolta, anche i suoi peccati [...] Le diverse vocazioni nella chiesa si illuminano a vicenda: un credente deve saper leggere sul volto dell'altro ciò che manca alla propria vocazione.
Il prete diocesano dovrebbe essere l'icona viva di questo imparare dagli altri, di questo reciproco istruirsi per essere uomini credenti e credenti che non smettono di essere uomini! La gente ci sente come fratelli se non ci mettiamo sopra di loro credendoci migliori, ma neppure se cerchiamo mi mimetizzarci con loro, senza essere fratelli maggiori nella fede.

Mons. Franco Giulio Brambilla, Vescovo di Novara, "Essere preti oggi e domani", Glossa Milano, 2008, pp. 67-71; 102-103.


"Per un pugno di dollari"


Cittadella ascolta


17 dicembre 201817 dicembre 2018

I sette peccati capitali della ricchezza

cottarelli

PROF. CARLO COTTARELLI, economista


Venerdì 25 gennaio 2019

La responsabilità delle élites

calenda

Dottor Carlo Calenda già  ministro dello sviluppo economico


Venerdì 1 febbraio 2019

Ricchezza e Disuguaglianza

padovan

PROF. PIER CARLO PADOAN già ministro dell’Economia e delle Finanze.


 Lunedì 4 marzo 2019

Da ricchezza che non sazia

bruni

PROF. LUIGINO BRUNI, Professore Ordinario in Economia Politica al Dipartimento di Giurisprudenza, Economia, Politica e Lingue Moderne dell’ Università Lumsa di Roma

locandina incontri fidanzati cittadella 2018

Assemblea diocesana 2018 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.