TEMPO ORDINARIO di crescita per continuare ad Accogliere l’AMORE di DIO per NOI
Dal 13 Gennaio 2014 (dopo la Domenica nella quale si ricorda il Battesimo di Gesù) siamo entrati nel tempo liturgico definito ORDINARIO. Pertanto anche la nostra vita quotidiana riprende in modo ordinario, magari con la solita routine. Ma ci potremo chiedere se il periodo Natalizio appena trascorso ha portato frutti spirituali dentro

ognuno di noi, oppure se rimane soltanto il ricordo delle feste passate in famiglia, comunque belli e per i quali ringraziare il Signore.
A Natale si ricorda la venuta di Dio nella storia degli uomini, attraverso la nascita di Suo figlio Gesù nella grotta di Betlemme. Ma il posto privilegiato dove Gesù vuole nascere e dimorare con Dio Padre donandoci il loro Amore, è il nostro cuore. Già Gesù vuole entrare e rimanere dentro di noi. Lui (il Re dei re) sta sempre ed in ogni momento alla porta del nostro cuore: bussa ed aspetta! Sta a noi aprire quella porta e farlo entrare, lasciandoci trasformare dal suo Amore. Ecco che il vero NATALE per ognuno di noi avviene quando decidiamo di aprire la porta del nostro cuore (per gli antichi il cuore è la sede più intima dei nostri pensieri, cioè la parte più interiore di noi stessi) all’Amore di DIO.
Come dice Papa Francesco (vedi Angelus dell’Epifania): l’Amore di DIO spetta di diritto a tutti, anche se uno si sente lontano o peccatore, oppure non crede. Dio vuole amare tutti. Gesù è venuto sulla terra per l’umanità intera: specialmente per i poveri, i sofferenti, i lontani, i peccatori e si fa sempre trovare da chi lo cerca con cuore sincero.
Allora cosa aspettiamo a spalancare le porte del nostro cuore all’AMORE di DIO per noi? Così ogni giorno, ogni momento della nostra vita può essere Natale dentro di noi.
Il beato Giovanni Paolo II° ci invitava sempre a non aver paura di aprire, anzi spalancare la porta del nostro cuore a Cristo. Tutto questo lo possiamo realizzare dando più tempo e spazio nella nostra vita quotidiana al Signore.
Ricordiamo che il tempo dato a Dio non è mai tempo sprecato ma guadagnato, perché il Signore non si lascia mai battere in generosità! Certo che i frutti del nostro Natale si vedono attraverso le nostre azioni quotidiane nei confronti dei nostri fratelli, di coloro che ci vivono accanto oppure incontriamo nelle nostre giornate… Ecco che ogni cristiano è chiamato a vivere il proprio Battesimo, cioè rinunciare a satana e tutte le sue seduzioni, lottare contro il male facendo il bene con l’aiuto di Gesù nel nostro cuore! Buon tempo ORDINARIO a tutti PREGHIAMO MARIA Santissima ed INVOCHIAMO lo Spirito Santo affinche apriamo i nostri cuori al Signore Gesù!
Berton Giorgio


"niente paura"


Cittadella ascolta


24 novembre 2017

Professor Alessandro Albizzati
medico chirurgo, specialista in Neuropsichiatria Infantile
ALESSANDRO ALBIZZATI

Desiderio di morte e desiderio di vita nel mondo giovanile


2 dicembre 2017

Claudio e Paola Reggemi
genitori di Giulio
CLAUDIO PAOLA REGENI

La paura di un'idea


12 gennaio 2018

Dott. Piercamillo Davigo
magistrato, professore della 2ª Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione
PIERCAMILLO DAVIGO

La giustizia che non teme


Martedì 13 febbraio 2018

Professor Stefano Zamagni
economista, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e di Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center.
STEFANO ZAMAGNI

La globalizzazione tra paure ed opportunità


Mercoledì 18 aprile 2018

S.E. Francesco Montenegro
cardinale e arcivescovo di Agrigento, presidente di Caritas Italiana
FRANCESCO MONTENEGRO

La civiltà del coraggio

Orientamenti pastorali 2016 17 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.